.
Annunci online

CASA CHIUSA DA SILVIO, SOLO VACCHE ITALIANE.

Satira di difesa 29/7/2009

La botta un po’ c’è stata, il nostro premier Puffo Puttaniere, dopo gli scandali a luci rosse di questi giorni, ha deciso che le vacanze a Villa Certosa quest’anno saranno più soft, parola d’ordine “basso profilo”. Annullata l’ordinazione dalla Thailandia, le baldracche da ospitare in villa saranno solo 250 tutte italiane, invece delle solite 1300, e pare che stavolta gli sarà vietato di girare nude, almeno le mutande dovranno averle. Niente da fare pure per le 69 zebre lesbiche che dovevano accoppiarsi la sera per allietare il padrone di casa, ma pare  siano confermati gli orango che blandiscono abnormi vibratori. Dopo le polemiche per le tombe dei fenici ritrovate nei terreni del premier, e fatti rimuovere non si sa come, per ora è stato bloccato lo smantellamento del Colosseo, che doveva essere poi rimontato nell’orto di Villa Certosa. Puffo Puttaniere commenta : “ Peccato stava bene vicino ai i bronzi di Riace, adesso saranno soli”.

 

In nome dell’austerità anche il  vulcano artificiale di Villa Certosa sarà acceso solo una volta al giorno, dopo cena quando Ciuffone, per dare un suo tocco di classe alla serata, intonerà “meno male che Silvio c’è” ruttando. Per simulare l’eruzione, non saranno utilizzati i soliti delfini bruciati vivi e profilattici usati, ma si è pensato ad una soluzione interna: saranno bruciate le copie dei bonifici estero su estero di Previti. Pare che l’omino dall’alto senso morale, secondo il suo killer di fiducia, appena abbia ricevuto la notizia gli sia scappata una lacrimuccia, eeh quanti ricordi in quei bonifici. Alla notizia di una lacrima di Previti i giornalisti si sono mobilitati era già pronto un titolo sul Giornale  : “Visto? E’ Umano!”, ma poi Cesare Dart Fener, cosi viene chiamato dagli amici per la sua sensibilità,  dichiara : “Di che vi stupite ? Anche i coccodrilli, dopo aver mangiato i propri cuccioli, piangono” niente da fare titolo saltato.  

 

Intanto ministri e sottobosco vario del governo è, purtroppo, al lavoro, non c’è speranza che la macchina infernale si blocchi. La Lega persevera nell’abuso di sostanze stupefacenti e così, dopo l‘approvazione delle ronde, gli insulti ai napoletani da parte di Salvini, la possibilità di poter chiamare meridionali i residenti di Bergamo bassa, la proposta dei mezzi pubblici separati per i bianchi e i neri, pare che questi eccelsi pensatori stiano pensando di sottoporre gli insegnanti neo assunti ad un test regionale con prova orale in dialetto, a seconda della regione di lavoro. Il trucchetto servirebbe per scoprire meridionali infiltrati ed impedirgli di insegnare. Smentisce tutto il maiale portavoce di Calderoli :” Sono illazioni non abbiamo niente contro i luridi meridionali, e per la precisione è Calderoli che mi fa da portavoce e non viceversa”.

 

Intanto Lombardo e Miccichè minacciano la fondazione di una “lega del sud” se il governo non s’impegna per il meridione, “meridioche ?” afferma Ciuffone con faccia confusa. Intanto alle accuse della stampa di cercare il voto della Mafia, Micciche risponde “Magari ”. Ma il nostro eroe cerca di imporsi come nuovo che avanza, e cosi tra un cubo è una pippata di coca organizzerà un dibattito sull’etica insieme a Dell’Utri, era atteso, come oratore, anche Jack lo Squartatore ma all’ultimo momento si sono accorti che era morto, lo rimpiazzeranno col Mostro di Milwaukee.

 

Infine volevo sottolineare l’appello del direttore del quotidiano ”Libero…per ora.” Vittorio InFeltrito. Il poveretto si lancia in una pesante critica al premier con un articolo dai toni duri dal titolo: “Caro Berlusconi, chiedi cosa fa la moglie di Sacconi”. Egli sottolinea la posizione di conflitto d’interessi del ministro del welfare con delega alla Sanità, e chiede un intervento risolutore di Ciuffone. In pratica la moglie di Sacconi è al vertice di Farmindustria, cioè la società alla quale sarà commissionato il vaccino per l’influenza A. Sarà interessante vedere come un conflitto d’interessi umano, cioè il nostro premier, interverrà per porre fine al conflitto d’interessi sacconiano. Sarà un orgia sadomaso a suon di deleghe e di finti controllori guardoni che si masturbano.

SANTO SILVIO APROSTATA.

Satira di difesa 23/7/2009

E' difficile fare satira in questi momenti, come fai quando il soggetto vittima è peggio di ogni immaginazione. In pratica Puffo Puttaniere, il nostro vizioso premier, ha ammesso che tra un vertice internazionale e l'altro è sovente frequentare, anche nel letto di Putin, signorine, le quali oggi sono chiamate escort ma qualche anno fa le avremmo tranquillamente chiamate mignotte.


Ovviamente necessita bloccare la legge contro la prostituzione, tanto comunque non la rispetterebbe, ma sarebbe imbarazzante farsi beccare con l'uccello di fuori, su una statale con BingoBondi che glielo sistema facendogli la solita siringhina di viagra extra declamando poesie. Ogni giorno che passa, questo governo prende sempre più la forma di un film di Alvaro Vitali, c'è sempre il vecchio zozzone se ci fate caso. Ed infatti pare che nella nuova riforma della scuola sia prevista, per ogni classe, la maestra con la minigonna succinta e il bambino che allunga la mano. Già pronti, per fare da esempio, la Pia Carfagna e Brunettolo.


Cambierà, si suppone, anche la linea dei fedelissimi berluscaz, questo manipolo di deviati mentali sempre pronti a difendere il capo qualsiasi cosa faccia. Infatti se Ciuffone di se stesso dice che “non è un santo”, cose ovvie, Ghedini si è già iniettato la solita dose di metadone per sparare la dichiarazione-vaccata pazzesca. Voci di corridoio dicono che inizi così : “ E' un figlio di puttana ma è il migliore cazzo!!”, si prospettano risate insomma.


Un po' in crisi Sorriso di Morte Cicchitto, il quale non sapendo che dire in difesa di Ciuffone, preferisce andare a presentazioni di libri sulla vita di leader politici israeliani, insomma l'omino è con l'acqua alla gola. Male anche NeuroneGasparri da quando si è visto fare allo specchio un espressione intelligente è in shock, non se lo aspettava. Bonaiuti invece ha lubrificato bene la lingua , pare che il lubrificante provenga da una ditta austriaca, già fornitrice di Rossella, che lo ricava dal sudore dei maiali secessionisti. Paolo avrebbe già detto ad alcuni giornalisti “Eh vabbeh ma chi non si è mai fatto frustare da una prostituta a casa di Bush....ops...non ho mai detto quello che ho detto”.


I telegiornali invece ignorano quasi totalmente la vicenda, anche dopo l'uscita degli audio degli incontri, alcuni tg sono talmente criptici che presentano la notizia così “ Il vecchio falco si è fatto beccare con la fava mentre le fragole sono rosse e la vecchia è nellìorto”. A parte Minzolini sottolinierei il fedele Mimun.


Costui fa quotidianamente anche peggio del suo collega del tg1, e addirittura anche peggio di quando il tg1 lo dirigeva lui. Per errore sabato vidi il tg5, il quale informava il popolo italiano di veri e propri scoop. La prima parte era piene di suicidi e omicidi ai quali vengono dedicati servizzi lunghi non si capisce per quale motivo, invece di rispettare l'intimità delle famiglie colpite. La seconda parte è un capolavoro.


Prima notizia: In Italia si mangia l'anguria, ebbene si dopo 50 anni se ne sono accorti, segue servizio dell'inviato che ci informa che in Italia si vende l'anguria, addirittura dal fruttivendolo e in strada, è buona “piena d'acqua e non fa ingrassare”, ci mancava solo che ci dicessero “è rossa con la buccia verde” .

Seconda notizia: Milano Marittima è la meta preferita dei vip ( il “sti' cazzi è d'obbligo”) ma anche qui segue servizio, dove per vip si intende quei derelitti umani che frequentano divani televisivi con non si sa quali meriti, o almeno si posso immaginare nel caso delle donne.


Terza notizia: Angolo cucina, cuochi che con fare da filosofi parlano di fusilli e altri piatti, ovviamente lungo servizio anche qui con voce entusiasta che parla di primati dell'Italia eccetera, non si capisce ovviamente come mai quel giorno il tortellino o la fettuccina meritassero un menzione, forse perché pur di non parlare della realtà tutto fa brodo.

Lo Stato era stato.

Satira di difesa 6/7/2009

Sono tempi strani, oggi per definire un concetto, usiamo parole che hanno il significato opposto, o comunque ignoto, a quello che realmente il concetto esprime. Tarantini invece di chiamarlo pappone, lo si chiama “imprenditore”. Ciuffone, il nostro vizioso premier, invece di chiamarlo puttaniere, lo si chiama “utilizzatore finale”. Infine la D’Addario la si chiama escort, quando fin poco tempo fa la si sarebbe chiamata prostituta (e mi limito).

 

E così via,  i passeggeri dei voli di Stato, cioè i bancali di figa aviotrasportata per la penisola , vengono fatti passare per intrattenimento istituzionale, addirittura Neurone Gasparri passa per un politico capace. Quindi è logico non meravigliarsi se un decreto, che aumenterà l’insicurezza dei cittadini, venga chiamato “sicurezza”. E’ la stessa tecnica che usavano i nazisti per i campi di sterminio, infatti li chiamavano “campi della gioventù”.

 

Rondaaa Su Rondaaa. Via libera alle ronde, in pratica lo Stato alza bandiera bianca dice ai cittadini di organizzarsi da soli, limitandosi a sovvenzionare il tutto. Voi penserete :” Ma se lo Stato quei soldi li desse alla polizia per comprare la benzina o assumere più agenti non sarebbe meglio?”, il guaio è che voi siete sani di mente, loro no. L’altro pericolo è che questi gruppi di deficienti vestiti da carnevale aumenterà i pericoli o i falsi allarmi, per non parlare dell’odio razziale. Se dei vigili urbani di Parma, che si suppone siano addestrati, scambiano un ragazzo di colore per un rapinatore e lo manganellano a sangue, cosa possono combinare alcuni di questi ebeti che vanno in giro vestiti da nazisti ?

 

Reato di Clandestinità. Altro capolavoro di demenza delle nostre menti a perdere, il reato di clandestinità, gli stranieri che si trovano nel nostro paese e non hanno un lavoro regolare (causa anche della demenzialità della legge Bossi-Fini, cioè puoi venire a cercare lavoro in Italia solo se già ce l’hai) saranno accusati di questo reato e quindi sottoposti a processo e incarcerati. La logica dice : “se proprio devi essere razzista, quindi non vuoi gli stranieri, cacciali!” ma loro no, dato che i soldi ci escono dalle orecchie e le nostre carceri sono vuote hanno deciso bene di riempire i tribunali di processi inutili. Il tutto per un reato assurdo e che difficilmente sarà applicabile, si calcola che le sole badanti abusive siano 600mila, dove le mettiamo? Avremmo gia problemi solo se riuscissimo a prenderne la metà. Quindi è tutta fuffa.

 

Intercettazioni. Questa è la ciliegina finale su una torta di sterco. Da un lato si grida alla sicurezza della pena e con questa norma si garantisce l’impunibilità. Come per la Bossi-Fini anche qui c’è il giochino schizofrenico. Questi sopraffini pensatori, eccelsi scopritori di acqua calda, utili quanto una scalda chiodi, hanno pensato : Si potrà intercettare solo con “evidenti prove di colpevolezza”, si non siete pazzi avete capito bene. L’intercettazione, che serve per scoprire prove di colpevolezza, si potrà utilizzare solo se già hai le prove della colpevolezza della persona, quindi di fatto non sarà mai usato, perché le prove o ce le hai già, quindi intercettare è inutile, oppure non hai prove ma non puoi intercettare per avere prove perché per farlo ti servono già. Il tutto imbavagliando la stampa impedendo di pubblicare qualsiasi cosa inerente all'indagine. Quindi i neo Aldo,Giovanni e Giacomo cioè Maroni,Alfano e Ghedini, quando hanno scritto questa legge, o ci volevano dimostrare di essere pazzi oppure di essere criminali.

 

 

Ma mentre gli sparuti neuroni dei tre sopraccitati si prendevano a botte, l’Utilizzatore Finale è stato un po’ in giro nell’ultima settimana, la mattina andava a ballare a Napoli il pomeriggio passeggiatina a Viareggio per visitare l’ultima strage. In entrambi i casi contestazioni quindi Ciuffone fuggiva col parrucchino tra le gambe. Peccato perché s’era portato appresso anche l’Inutile Sacconi, gliela aveva promesso dopo l’Aquila “alla prossima strage ti porto anche a te” pensava così di aumentare la sua popolarità  nei sondaggi, peccato.

 

Intanto tra una scossa e l’altra continua la mesa in sicurezza del G8. Rispetto a Genova nel 2001 stavolta la polizia è più pronta, cominceranno a manganellare già all’ingresso in Italia dei manifestanti, si stanno allestendo aree apposta negli aeroporti, chiedere ai vicentini. Che dire : lo Stato era stato.