.
Annunci online

GIORNALISTI O CAMERIERI ?

Satira di difesa 26/5/2009

Certo che però questi media fanno di tutto per farsi screditare. Il Tg1 e il Tg3, in piena campagna elettorale, trasmettono uno spottone del Puffo Puttaniere con tanto di simbolo elettorale. Il premier per l'occasione si è anche ridipinto la pelata, stuccato il volto e levigato le balle. In pratica i direttori dei due tg hanno dato l'assist a chi combatte il conflitto di interessi dell'informazione.

Sono passate solo poche settimane dalla puntata di Annozero sull'informazione, ricordo ancora come giornalisti vari e ammuffiti direttori di quotidiani asserivano che in realtà non c'è nessun problema nella nostra informazione, nonostante ci siano dittature con più libertà delle nostre. Insomma era un tutto bene madama la marchesa, siamo tutti liberi. Le rassicurazioni fatte da certi giornalisti assomigliavano a quelle del capitano del Titanic, il quale raccomandava di non far smettere la musica mentre affondava la nave.

Ancora più patetica è la difesa dei direttori di Tg1 e Tg3 alle accuse di tarroccamento. I due babbuini fanno sapere che «Il Tg1 e il Tg3 hanno mandato in onda un servizio confezionato con immagini del premier da una intervista alla Cnn e dichiarazioni da una intervista all'emittente sarda Videolina [emittente vicina al premier, nda]. In queste ultime compariva il simbolo di lista. Nei servizi era chiaramente indicata la fonte di immagini e sonori. Può aver tratto in inganno il fatto che la location delle interviste fosse simile» .

Insomma i babbuini mandano in onda senza controllare il contenuto, che dire : sono tutti liberi di dire quello che vuole il capo.

D'ALEMISMI ACUTI.

Satira di difesa 17/5/2009


Ne avevamo bisogno, il mondo della letteratura e più in generale della cultura tutta sentiva una vuoto, ed ecco che a riempirlo arriva il nuovo libro del Baffetto a Vela D'Alema. Costui viene riconosciuto da molti media e politici come inteligentissimo, come un grandissimo stratega, politico capace, nonostante sia un perdente nato.


D'Alema è in tour un po' su tutti i giornali, e anche alla festa del libro di Torino, per presentare l'ultima sua fatica “Il mondo nuovo. Riflessioni sul Pd “. Il meglio del D'Alema-pensiero, cioè fotto gli elettori e gli alleati e mi nomino presidente del consiglio. Avere consigli sul PD da D'Alema è come farsi consigliare da Erode sui bambini: può avere effetti collaterali, tipo la morte. D'Alema quando ha qualcosa-qualcuno sul cazzo, per toglierselo dai piedi vi partecipa, sabotandolo dall'interno. Ormai è come il bacio della morte, quando vedi che aiuta qualcuno per una elezione già sai che quel qualcuno è un perdente, stessa cosa per i vari progetti politici come il PD.


Questo 000 James Tont solo in due occasioni ha fallito, forse per distrazione, nel 1996 e nel 2006 ed infatti coincidono con le vittorie del centro sinistra. Nel 1998 iniziò il suo appoggio a Prodi, e infatti glielo appoggiò bene e ci fu un ribaltone facendosi nominare presidente del consiglio dalla maggioranza, ovviamente dei parlamentari, quale semplice cittadino voterebbe D'Alema, esentati i pazzi.


Ebbene ultimamente si sta riciclando come padre fondatore o grande statista e dispensa i suoi consigli a destra e a manca. In occasione delle varie presentazioni della sua ultima fatica letteraria lo statista sforna frasi ad effetto tipo : «Questa destra si può battere» «il centrosinistra italiano è una realtà straordinaria che rappresenta metà del Paese. Lo “sconfittismo” serve alla classe dirigente politica per non vedere i propri errori». Tutte belle parole, se non fossero dette da lui.


Riemerge anche la linea vincente da tenere per opporsi a Berlusconi : << dialogare>>, non c'è niente da fare la bicamerale lo ha lobotomizzato. Costui parla di futuro e di cose da fare come se fosse nato ieri, dimenticando che anche lui ha contribuito alla crisi italiana, da non confondere con quella mondiale. Il suo apporto politico al miglioramento della vita degli italiani è paragonabile alle sinapsi di Rutelli : zero. Adesso anche lui come Tremonti attacca la finanza, nonostante sia stato uno delle sponde politiche di Consorte e Rucucci alle scalate bancarie.


Ovviamente D'Alema può parlare tranquillamente dato che non c'è più memoria di questi avvenimenti, e soprattutto nessun giornalista gli fa domande. Infondo cosa sarebbe il berlusconismo senza D'Alema, forse meno vincente. La sua opposizione la si vede nella Redtv, che a sede nel palazzo di Puffo Puttaniere, o nei dalemiani come Bersani, i quali quando hanno un occasione per attaccare l'avversario (es. ballarò di martedì scorso) sulla pessima gestione del caso Alitalia- Malpensa, preferiscono dire un << Non ne parliamo>>, e il governo ringrazia.


IL PUTTANIERE PAZZO COLPISCE ANCORA....

Satira di difesa 6/5/2009

DIVORZIO DIVINO – Dio è stato accusato dalla Madonna : “ Quel porco ha sempre fatto cose zozze con quella ragazzina di Maria Maddalena” e aggiunge “A me non mi ha mai voluto toccare, e mi ha messo pure incinta a 17 anni!! Forse ero troppo vecchia per lui.” Successivamente la beata vergine ha chiesto il divorzio. Berlusconi in difesa del collega: “la Maria è caduta in una trappola del proletariato comunista satanista, chieda scusa”.


INFLUENZA SUINA – Altro caso in Italia, il soggetto è Calderoli, il quale era esposto ad un rischio enorme dato che aveva un allevamento di maiali nel giardino. Le autorità sanitarie sono tempestivamente intervenute nel mettere in quarantena il m inistro onde evitare che infettasse i maiali.


DELL'UTRI – Dopo aver riabilitato, prima il boss Mangano, e poi Mussolini affermando che “Era troppo buono”, il Picciotto delle Libertà ha parole di difesa anche per Michael Seifert, detto il Boia di Bolzano. Secondo Dell'Utri le torture dell'ufficiale delle SS “avevano un qualcosa di poetico, e quindi evidenziano una certa sensibilità”


AVVENIRE Il giornale dei vescovi attacca il premier Berlusconi dopo le accuse della moglie. Il quotidiano raccomanda al premier un comportamento più “sobrio”, e conclude l'accusa : “ E' scandaloso che un uomo della sua età, e con quel ruolo istituzionale, faccia sesso con minorenni senza farsi prima prete”.


INDOVINELLO – Allora c'è un paese estero, un fucile, un militare italiano e una bambina morta. Cos'è ? …...Noo, sbagliato non è una guerra : E' una missione di pace che ha fatto del fuoco amico italiano su una bambina mentre si eseguiva un processo di pace.





PS Anche se è poco, dedico il post alla bambina tredicenne uccisa ad Herat, ai morti di Fallujah e a tutte le vittime che muoiono ogni giorno nel mondo e delle quali noi, inteso come occidente “culturalmente avanzato”, ce ne battiamo il cazzo sempre.