.
Annunci online

Sono sedici i primi soci che hanno sottoscritto quote paritetiche simboliche e pari a poche migliaia di euro nella società Compagnia Aerea Italiana, costituita con l'obiettivo di dare vita alla nuova compagnia di bandiera italiana.

Ecco di seguito i partecipanti: Roberto Colaninno (attraverso Immsi), che sarà il presidente della nuova società: Gruppo Benetton attraverso Atlantia; Gruppo Aponte; Gruppo Riva; Gruppo Fratini attraverso Fingen; Gruppo Ligresti attraverso Fonsai; Equinox [ fondo lussemburghese, ndr]; Clessidra; Gruppo Toto [ Airone, ndr]; Gruppo Fossati attraverso Findim[ holding lussemburghese, ndr]; Marcegaglia; Caltagirone Bellavista attraverso Acqua Marcia; Gruppo Gavio attraverso Argo; Davide Maccagnani attraverso Macca; Tronchetti Provera; Intesa Sanpaolo.” ( Il Sole24Ore, 26 agosto 2008).

“Mittel, finanziaria guidata da Giovanni Bazoli (presidente del consiglio di sorveglianza di Intesa Sanpaolo), e il fondo Equinox di Salvatore Mancuso hanno sottoscritto un accordo con Banca Mps e Banco Popolare, creditrici di Fingruppo, per liquidare in bonis la società della galassia del finanziere bresciano Emilio Gnutti - finito in disgrazia in seguito alla calda estate dei furbetti del quartierino, anno 2005, quando fu coinvolto nella vicenda giudiziaria delle scalate bancarie e delle intercettazioni telefoniche - e degli imprenditori a lui vicini.” ( Il Sole24Ore , 23 luglio 2008).

“E' pronto il piano industriale di Marco Fossati, azionista di Telecom Italia con il 4,5 per cento circa del capitale, alternativo a quello attuale, da presentare a settembre.” (AGI, 22 luglio 2008).

“Furbetti del quartierino? Ci sono quelli doc, gli scalatori di Antonveneta come Gianpiero Fiorani, Danilo Coppola e Chicco Gnutti, immortalati dal loro amico Stefano Ricucci in una memorabile conversazione telefonica finita agli atti dell'inchiesta penale della Procura di Milano. Poi ci sono i furbetti di complemento. Banchieri, imprenditori e finanzieri che nei modi più diversi hanno dato man forte al manipolo dei raider. Alcuni di loro sono già saliti alla ribalta delle cronache. Come Giovanni Consorte, gran capo dell'Unipol. Nell'aprile scorso, nei giorni caldi della scalata occulta, la compagnia della Lega Coop si affrettò a investire 130 milioni di euro in titoli Antonveneta.[…]

Sono invece rimasti nell'ombra altri tifosi e simpatizzanti di Fiorani, Ricucci & C. Per esempio il banchiere Fabrizio Palenzona. Oppure l'affiatatissima coppia composta da Sergio Billè, presidente di Confcommercio, e Francesco Bellavista Caltagirone, numero uno della holding Acqua Marcia quotata in Borsa, nonché cugino dell'editore del 'Messaggero' […] l'immobiliarista Giuseppe Statuto, i costruttori Domenico Bonifaci, Vito Bonsignore e Marcellino Gavio, impegnatissimo, tra l'altro, nel business delle autostrade. […].” (L’Espresso, 27 ottobre 2005)

“ [….]All'inizio del 2001, nonostante abbia appena ceduto importanti asset (l'80% di Italtel e Sirti tra gli altri), il gruppo Olivetti-Telecom è in grandi difficoltà e Colaninno, Gnutti e i loro soci sono costretti a passare la mano. Dopo diverse trattative viene trovato un accordo con Tronchetti Provera e Benetton. La cessione di quel 23% ha creato una notevole plusvalenza (1,5 miliardi di euro) nelle casse di Bell, la società veicolo lussemburghese con la quale Colaninno e Gnutti ottennero il controllo di Telecom. Per questa plusvalenza Bell è stata indagata per evasione fiscale e multata dall'Agenzia delle entrate per 1,937 miliardi di euro. L'accertamento con adesione a cui hanno aderito i soci di Bell ha permesso la riduzione delle sanzioni ad un quarto del minimo, così la società ha dovuto versare al Fisco solamente 156 milioni. […] Dal luglio 2001 Telecom è controllata dalla finanziaria Olimpia, partecipazione di Pirelli (al 60%), Edizione Holding dei Benetton, Banca Intesa e Unicredito Italiano, a cui in seguito si è aggiunta Hopa, la finanziaria bresciana di Gnutti (tramite Holinvest, scatola cinese (vuota) attraverso la quale Hopa detiene il 3.7% di Telecom Italia).[…]” ( da Wikipedia l’enciclopedia libera).

QUANDO C’ERA LUI.

Informazione 29/8/2008



Da un po’ di tempo c’è un insensato ritorno al passato, in particolare al ventennio fascista, lo si è visto da certe leggi in materia di sicurezza e giustizia, anche se certe leggi approvate di recente farebbero apparire i fascisti come dei chierichetti. Lo stiamo vedendo nel vano tentativo dei vari BalillaLaRussa o del Ruminante Gasparri, i quali cercano, spero invano, di revisionare la storia del regime.

L’ultima l’ha combinata la giunta di centro-desta di Comiso, la quale ha deciso di ripristinare il vecchio nome del nuovo aeroporto civile, il quale era stato intitolato nel 2007 a Pio La Torre, deputato del PCI vittima di mafia, era stato l’ideatore della legge (approvata dopo la sua morte) che per la prima volta prevedeva il reato di associazione mafiosa e relativa confisca dei beni. Questa proposta di legge, come spiego Riina ai magistrati, gli costò la vita.

Ebbene dopo le ultime elezioni a Comiso, che hanno visto la vittoria di Giuseppe Alfano, si è deciso di ripristinare il vecchio nome dell’aeroporto e cioè Gen.Vincenzo Magliocco, caduto durante la sciagurata guerra etiope del Duce, il quale con le pezze al culo voleva fondare un nuovo impero romano. In pratica in Sicilia pur di non parlare di mafia si è disposti addirittura a elogiare il fascismo, come siamo messi male porca zozza.

La giustificazione poi è un vero schiaffo in faccia ai tanti eroi che sono morti combattendo la mafia, neanche il più deficiente degli esseri umani, tipo Rotondi avrebbe saputo dire di peggio, neanche la più demenziale poesia di BingoBondi risulterebbe più assurda, e ne ha scritte di poesie dementi. In pratica il sindaco rileva “uno scarso gradimento” della gente verso Pio La Torre, mentre invece Magliocco ha più audience e quindi questo nome verrà utilizzato anche per iniziative culturali. In pratica queste emerite teste sono dei geni, magari con questa logica un giorno ci ritroveremo un associazione pacifista dedicata a Mussolini o Hitler.

Hanno creato un bel precedente, la cultura con la logica dell’audience…meraviglioso, nella sua pazzia s’intende. Che cacchio esponi a fare la Pietà di Michelangelo, quando il culo della Ferilli ha “più gradimento popolare”, metti le chiappe nella basilica. Il guaio è anche l’ignoranza che mostrano i vari esponenti politici, dico io vuoi favorire la mafia e mi metti il nome di un fascista? Bah... Se le emerite teste sapessero un po’ di storia, saprebbero che il Duce all’epoca fece incarcerare tutti i boss mafiosi, almeno quello.

Basta bando alle ipocrisie siate onesti, almeno un po’, non usate mezzucci e cacciate le palle con la gente, tanto è chiaro il fine. Si vuole arrivare ad intestare edifici e strade ai criminali ed altra feccia del genere, i nuovi “eroi” di questo paese. Io sono d’accordo almeno così si è sinceri come faceva il Duce, appunto, abbiamo tanti edifici senza intestazione. Già c’è lo vedo “Casa Circondariale Bettino Craxi” oppure “Casa di Cura Vittorio Mangano”, “Biblioteca Marcello Dell’Utri” visto che è un bibliofilo con la passione per la cosca.

Ma potremmo andare così all’infinito “Ospedale Poggiolini”, “ Palazzo di Giustizia Riina”, e infine per ricordare la deceduta democrazia “ Cimitero Silvio Berlusconi”. Eh che ne dite ?

C’E’ CHI SE LA CERCA.

Satira di difesa 27/8/2008



Ieri avevo voglia di trasgressione, non so se mi capite, era uno di quei momenti in cui si vuole fare qualcosa di pericoloso, qualcosa che tutti sconsigliano di fare e che al solo pensiero rabbrividiscono. E così decisi : vado a fare un giro in spiaggia a mezzogiorno…disarmato, eh ragazzi quando trasgredisco trasgredisco, altro che arancia meccanica. Passeggiavo sulla spiaggia con un ghigno da pervertito, tipo Previti mentre corrompe un giudice, quando all’improvviso mi imbatto in uno strano personaggio: un alpino !....sulla spiaggia, lo so che sembra folle, ma mai quanto quella volta che incontrai un sub sul Gran Sasso. Comunque il tipo si avvicina e noto che ha appuntato sulla divisa ha una spilla con una foto di un pescecane, che poi vedendo meglio ho scoperto essere La Russa, e con una scritta “quando randelli pensa a me”.

L’alpino mi rivolge la parola:

<< Ehi lei cosa ci fa qui ? >> mi dice l’omuncolo.

<< Ha presente una confezione da sei di cazzi miei ? Ecco stavo appunto facendo quello >> risposi io dall’alto del mio senso per le istituzioni.

<< Non faccia lo spiritoso – ribatte – Lo sa che può essere pericoloso. E se incontrasse una malintenzionata che decide di violentarla ? >>

<< Guardi per la mia liberta decido di correre il rischio, inoltre potrei provare i miei nuovi profilatici “effetto Rocco Siffredi” >> glielo dico con la stessa spocchia che ha una rana nei confronti di Vittorio Sgarbi, ritenendolo molto inferiore ovviamente.

<< Torni a casa a guardare la tv, che è meglio >> insisteva in modo petulante, peggio di una lezione di filosofia di Buttiglione.

<< Guardi stavo proprio guardando la tv, poi è iniziata un’edizione straordinaria del TG1 con Riotta che annunciava al mondo una scoperta eccezionale : una capra con le emorroidi. Così ho deciso di spegnere >> mentre dicevo ciò notavo uno scippatore intento a sottrarre all’alpino portafoglio e orologio senza che l’omuncolo se ne arcogesse, naturalmente non lo avvisai e mi godevo la scena del suo sguardo su di me alla tenente Colombo, mentre veniva privato degli indumenti intimi.

Dato che un po’ sono bastardo….ok forse più di un po’, ma sicuramente meno di Scaramella, gli chiesi se aveva venti euro da cambiare. Quando dopo una breve e vana ricerca del portafoglio il militare capi essere stato scippato, decisi di lasciarlo lì con la sua espressione stupita, cioè bocca aperta e pupille che convergono verso il naso, l’espressione intelligente di Gasparri tanto per capirci.

Poco più distante, al caso umano in divisa, noto una ragazza seduta a terra che piange. Avvicinandomi scopro che gli hanno rubato l’orologio, non era molto costoso ma la ragazza c’era affezionata. Vicino alla donna c’era un uomo con la canotta bianca rigorosamente sporca di sugo, l’ominide in questione urlava alla donna in continuazione frasi del tipo “ E’ stata una grave imprudenza” oppure “ Se l’è cercata, non si scende di casa con l’orologio”, il tutto con la stessa delicatezza di un calcio nelle palle.

Seccato da quell’uomo gli dico :

<< Senta la smette di fare il paraculo, vorrà mica diventare sindaco per caso >>.

<< Grazie per il complimento, ma io sono già sindaco, piacere Gianni Alemanno>>.

« Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l'essenza della dignità umana. »

« La mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine. »

(Giovanni Falcone)


Berlusconi: “Perizie per i pm” Dell’Utri: “Mangano un eroe”

Il Cavaliere ripropone i test psicoattitudinali per i magistrati Dell’Utri: il fattore mafioso “ha taciuto nonostante le pressioni dei pm” Il senatore azzurro attacca “il professionismo dell’antimafia” E promette: “Se vince il Pdl riscriveremo la Resistenza sui libri” ( Repubblica.it, 8 aprile 2008 )


“Su Vittorio Mangano 'ha detto bene Dell'Utri', perche' 'eroicamente non invento' mai nulla su di me', afferma Berlusconi. Il leader del Pdl parlando a '28 minuti' delle polemiche sulle dichiarazioni di Dell'Utri sullo stalliere di Arcore sottolinea che quando Mangano 'era in carcere ed era malato i Pm gli dicevano che se avesse detto qualcosa su Berlusconi sarebbe andato a casa'.” (Berlusconi su Mangano - Ansa, 9 aprile 2008).


Vittorio Mangano fu indicato, sia da Buscetta che da Contorno, uomo d’onore di Cosa Nostra della famiglia di Pippo Calò.[…] Si accertò che Vittorio Mangano, ma già risultava dal procedimento che avevo istruito io risultava altresì dal “Procedimento Spatola” che Falcone aveva istruito negli anni immediatamente precedenti al maxi-processo, che Vittorio Mangano risiedeva abitualmente a Milano, città dalla quale, come risulta dalle intercettazioni telefoniche, era un terminale per il traffico di droga […] Dell’Utri non è stato imputato nel maxi-processo, so che ci sono indagini che lo riguardano [sia Marcello che Alberto, ndr] e riguardano insieme Mangano […] Sui rapporti con Berlusconi so che ci sono indagini in corso e non posso parlarne [riassunto, ndr] .” ( Intervista di Paolo Borsellino a giornalisti francesi, 21 maggio 1992 due giorni prima della morte di Falcone).

“[..]Sempre sulla Giustizia, Berlusconi chiarisce di voler “mettere in pratica molte delle idee di Giovanni Falcone”[..] “ (Ansa, 21 agosto 2008)

IL SUPER DEFICIENTE E LA GIUSTIZIA.

Satira di difesa 2 21/8/2008



A chi non fosse chiaro a cosa servissero i “super poteri” da ai sindaci da DuMaroni, oggi ha tutte le risposte che gli servono: cioè distruggere quel po’ di giustizia che ancora funzionava, intasando le procure di solenni minchiate a discapito si reati più seri e dannosi. Se poi condiamo il tutto con l’arrivo dei militari il quadro è perfetto nella sua confusione. Una volta l’intervento dell’esercito era visto come un atto di sconfitta da parte delle istituzioni, le quali ammettevano di aver fallito e richiedevano l’intervento dell’esercito. Con il NanodelleLibertà(sue) invece è tutta una festa, un happy-hours sulla fine della democrazia.

All’inizio a qualche sindaco non aveva chiaro il concetto di superpotere, e si sono avvistati migliaglia di dementi entrare in municipio vestiti da batman con la fascia tricolore. Una volta che il meccanismo è stato chiaro la logica se ne andata a farsi benedire. A Voghera, per portare ordine nel caos tenendo conto che ci sono cimiteri con più vita di Voghera, il sindaco ha vietato dopo le 23 di sedersi sulle panchine pubbliche. In pratica se un sovversivo anziano comunista dopo le 23 non si alza rischia la galera. Tutto ciò darà sicuramente un senso di sicurezza….ad un malato mentale.

Ma la fiera della cazzata offre varie alternative, c’è il sindaco Tosi ( un amante della vaccata senza senso) che addirittura vieta di mangiare vicino ai monumenti, non specificando bene la distanza, e se qualcuno abita vicino a un monumento che fa ? Trasloca ovviamente. Si vieta di tutto insomma addirittura l’elemosina ad Assisi ( la città del povero S.Francesco). Si vieta la vita. In pratica si mostrano i muscoli con i derelitti, si mandano i militari ad inseguire i vù-cumprà sulle spiagge, manco fossero dei Provenzano, ma quando si tratta poi di mettere le mani sui grossi bancarottieri, evasori e tutta quella crema di melma che procura grossi danni alla collettività, beh quei muscoli si sgonfiano.

Stavo in spiaggia a rosolare mangiando un pezzo di cocco, quando ad un tratto un alpino con indosso una maglietta con la scritta “City Angels”, che lo rendeva ancora più ridicolo di quello che era, mi chiede di dove sono. Quando gli dico “napoletano” inizia a manganellarmi dato che lui aveva collegato “cocco più napoletano uguale venditore di cocco abusivo”. E non vi dico cosa è successo quando ha visto il mio amico Gaetano scuro dall’abbronzatura e con in mano un braccialetto etico…

Tanto per non farci mancare niente il NanodelleLibertà calpesta, dopo Montanelli e Biagi, un altro grande uomo passato a miglior vita e cioè Falcone. Dice di voler riformare la giustizia secondo le idee di Falcone, ma dimentica che se fosse così lui non ci sarebbe.


IL NANO-TOUR.

Informazione 9/8/2008

 

Come era carino con il carrellino dei rifiuti, da buona massaia il NanoinLiberta è andato di nuovo a Napoli per uno show da mostrare ai giornalisti, scusate il parolone più che giornalisti sembravano un fan club di Vasco Rossi. Peccato che non abbia deliziato dello spettacolo anche i cittadini della periferia e della provincia di Napoli, magari organizzando un tour in varie piazze.

Il Ciuffone sapeva bene che lì è meglio non farsi vedere, dato che lì i rifiuti ci sono ancora, c’era il rischio che la scopa gliela infilassero in orefizi dolorosi . Il guaio è che nessuno dei “giornalisti” glielo ricorda, come nessuno gli dice “presidente, ma che cazzo c’è da festeggiare ?”. C’è una regione devastata dall’inquinamento, ancora non c’è una stima di quanta gente è morta e quanti ne moriranno per le conseguenze di questo inquinamento, ma il premier esulta mostrando via Chiaia, la quale non ha mai visto l’emergenza rifiuti.

Si rivive l’era del Duce, quando il nonno dell’OGM(come definire altrimenti l’isterica nipote) andava nei campi di grano a petto nudo a lavorare, c’erano le cronache barocche sui giornali del “duce operaio”, sembra essere tornati a quei tempi. Ovviamente invece del petto ariano nudo, si usa un completino nero da play boy viagrato, la sostanza è quella. Anche i giornali di gossip (i suoi soprattutto) non fanno a meno di riferirci delle sue vacanze “tutta famiglia”, ed evitano appositamente quando il capo famiglia fa il puttaniere con le ragazzine.

Dopo lo show di Napoli il NanoinLibertà replica a Roma in un mercato, tra ci saranno manifesti in tutte le città con le date degli spettacoli. Il nostro appare contrariato dai prezzi del mercato definendoli “furto”. Se lo dice lui che è un esperto in materia c’è da credergli. Anche in questo caso nessuno gli dice “presidente, a proposito di furti, quand’è che restituisce la Mondadori ?”. Ma per fare certe domande ci vorrebbero i giornalisti.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napoli emergenza rifiuti roma berlusconi

permalink | inviato da Liberazona il 9/8/2008 alle 8:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

EMERGENZA : ANOMALIA LODO !

Informazione 5/8/2008


EMERGENZAUna grave emergenza sta mettendo in ginocchio il nostro paese, è l’emergenza caserme vuote. Avete capito bene non ci sono militari nelle caserme nessuno si spiega il fenomeno. Il ministro delle difesa il BalillaLaRussa, dopo la partecipazione alla “Prova del cuoco” su Raiuno nella quale il ministro ha spiegato l’importanza della frittata nella dieta del figlio della lupa (e lui è stato un grandissimo figlio..) , è venuto a conoscenza del grave problema e ha dichiarato : << Risolta l’emergenza cerume delle orecchie di Giuliano Ferrara, manderò i militari nelle caserme per cercare di capire i motivi di questo problema>>, Soddisfazione degli operai edili che dichiarano : <<Ora ci sentiamo più sicuuuuuriiiiiii ….paf !>>. La popolazione è tranquilla, in un primo momento c’era angoscia dato che aveva percepito di cadere nella merda, ma dopo è arrivata la calma quando ha capito che è la merda ad avanzare.

OLIMPIADI – Dopo una serie di voci e smentite, gli atleti azzurri si sono dichiarati concordi con quei ministri che gli chiedevano di protestare, alle olimpiadi di pechino, per i diritti della popolazione. Rosolino dichiara : << Abbiamo deciso : basta con questi soprusi ! Basta con il popolo privato dei diritti, che viene ignorato nelle scelte per il futuro 1 Basta con l’occupazione militare! E’ per questo che noi atleti ci ritiriamo e andremo ad occupare Montecitorio. >> . Gasparri e la Meloni, promotori della protesta, dichiarano << O cazzo e mo chi lo dice a Silvio>>.

OLMERT - Ma parlando di cose serie dobbiamo fare i complimenti alla nostra informazione, ebbene dai tg ai giornali sono riusciti a non parlare del discorso di dimissioni del premier israeliano Olmert, tranne qualche eccezione. Sui giornali online la notizia è assente o nascosta bene, sui cartacei se ne parla pochissimo, il solito Travaglio ad esempio. Nei tg è passato come una notizia di curiosità senza approfondimento, tra un delfino ciccione dell’Iowa e una servizio sul caldo e i consigli, i soliti, per soffrirlo di meno. Ormai non possiamo più permetterci di sapere neanche questo, immaginate se qualche giornalista chiedesse un parere ad un nostro politicante, neanche le facce da culo di Bingo Bondi e Cicchitto potrebbero inventarsi qualche puttanata giustizialista, figurarsi quella smarrita di Gasparri. “Sono fiero di appartenere a uno Stato in cui un premier può essere investigato come un semplice cittadino. Un premier non può essere al di sopra della legge, ma nemmeno al di sotto.” Dichiara Olmert, e qui mi sorge una domanda : Ma il lodo non ce lo avevano tutti i paesi del globo terraqueo ? Non vorrei che il NanodelleLibertà(sue) ci abbia mentito…da lui non me lo aspetterei.


PS vado al mare salutoni.


MENO MALE CHE CI PENSA LUI.

Pensiero Orrendo nasce un poco strisciando 4/8/2008



“«La nostra prima mossa sarà riportare Alitalia alla profittabilità». Il presidente di Air France, Jean-Cyril Spinetta, ha confermato le intenzioni del vettore francese qualora si aggiudicasse la gara per la privatizzazione nel corso di un incontro nel quartier generale di Roissy.[…] «Potrebbe non essere necessario andare oltre quanto annunciato dal presidente Prato - ha spiegato Spinetta - ovvero 1.000 tagli [di personale, ndr]su Alitalia Fly e Volare o 1.700 al massimo se Volare non dovesse essere ricompresa».” ( il Giornale, 16 dicembre 2007).

“«Ormai sono impegnato io, quindi si fa»” ( Silvio Berlusconi sulla cordata Alitalia – Corriere della Sera, 21 marzo 2008).

“L’odissea di Alitalia sembra avvicinarsi alla fine. È stato lo stesso presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, a preannunciare l’epilogo della vicenda nel corso della cena di martedì sera con i senatori del Pdl: 5mila esuberi, novanta nuovi aerei in arrivo e ripristino delle più importanti rotte internazionali.” ( il Giornale, 31 luglio 2008).

NOTIZIARIO MANICOMIO

Satira di difesa 2/8/2008



ORE 9:00 – il Governo continua la sua opera di modernizzazione del paese, dopo la centrale elettrica a carbone inaugurata da Scajola, il Ministro dei Trasporti Mattioli ha presentato un nuovo aereomobile per migliorare il servizio dell’Alitalia : la Mongolfiera. << Questo nuovo strumento traghetterà l’Italia nel futuro – dice il ministro, e aggiunge – ora vado mi parte la diligenza spero di non incontrare indiani a Tor vergata >>.

ORE 10:00 – Scajola dopo aver dichiarato “piccoli incidenti” i 100 operai contaminati nella centrale nucleare francese di Tricastin, e successivamente aver definito la morte di due operai durante i lavori per la nuova centrale a carbone di Torrevaldaliga “Qualche sacrificio di vita umana”. Il ministro fa sapere alla stampa : << per la nuova centrale nucleare abbiamo bisogno di cento ragazze dai 16 ai 26 anni, tutte vergini da sgozzare come sacrificio alla dea Kali. Questo ci consentirà di ottenere una centrale sicura, Kalimaa Kalimaaaa >>. Sbigottiti i giornalisti che chiedono : << E dove le trovate 100 vergini ?>>.

ORE 11:00 – Il premier Ciuffone dichiara sulla finanziaria : «Manovra di lacrime ma non di sangue», e aggiunge << quando ti inchiappettano mica sanguini, piangi al massimo>>.

ORE 11:30 – Caso Englaro : Vespa dedicherà una serie di puntate di Porta a Portese sulla ragazza da 16 anni in coma. Già pronto plastico della stanza d’ospedale e l’avvocato Taormina che accusa i vicini di stanza. Il buon senso sembra sparito.

ORE 12:00 – Il NanodelleLibertà(sue) dichiara sui rifiuti a Napoli : << A Napoli e provincia non ci sono più rifiuti, quelli rimasti sono sacchetti comunisti e sovversivi che si nascondono quando i camion passano a ritirarli.>> e aggiunge << secondo il Sisde ad aiutare i sacchetti ci sono cellule deviate di Zoccole trotskiste [ratti di fogna napoletani, ndr] >>