.
Annunci online

CLEMENTE, QUANTO MI COSTI !

Satira di difesa 2 1/11/2007



Ah Clemente Clemente quanta gente che c’è l’ha con te, non bastava quel criminale di De Magistris che voleva sapere la verità sulla faccenda Why Not, ma adesso ci si mette anche L’Espresso a fare inchieste, dico manco fossero giornalisti.

Stavolta è stato preso di mira la redazione del “Campanile”, pensate formata da ben sei persone (compreso le segretarie) viene sovvenzionato dallo Stato (si siamo noi a pagare) per ben un milione e 331 mila euro . Stampa al massimo 5mila copie delle quali solo 1500 vanno alle edicole, le quali essendo già dotate di carta igienica, restituiscono puntualmente tutte le copie. Alcuni edicolanti addirittura dicono di ritrovarsi miracolosamente le loro 5 copie senza neanche averle richieste, e senza che nessuno le acquisti ovviamente.

Per chi pensa che è uno schifo aspetti ancora, il Campanile nel 2004 si è avvalso di un grandissimo collaboratore: Clemente Mastella, pardon Pastella, in pratica si è assunto da solo, e si è pagato con uno stipendio di 40mila euro più contributi ma ci sono altre spese : 14 mila euro per acquistare i torroncini di Benevento che spesso finivano in regalo a politici e giornalisti magari con il messaggino di auguri di Pastella e moglie (torroncini che per noi sono supposte), 12 mila euro incassati dallo studio del figlio, 36 mila euro spariti nelle sua società di assicurazioni e infine i biglietti aerei per i familiari del segretario, quello dell’aereo è proprio un vizio.

Ma che volete infondo anche lui ha famiglia.

CONTINUITA’…….

Satira di difesa 2 20/10/2007

 

Alla fine il potere vince, il ministro (e si purtroppo è ministro) Pastella l’ha spuntata.

De Magistris è stato rimosso dall’inchiesta Why Not, il puttanaio che svelerà questa inchiesta sarà mai svelato ?

Intanto è da notare la continuità politica delle ultime due legislature, Fidel Castro ha mandato alcuni uomini fidati per studiare la cosa, pare che neanche lui sia riuscito a fare a Cuba quello che da noi è oramai una tradizione.

Sono soddisfazioni.