.
Annunci online

Lo Stato era stato.

Satira di difesa 6/7/2009

Sono tempi strani, oggi per definire un concetto, usiamo parole che hanno il significato opposto, o comunque ignoto, a quello che realmente il concetto esprime. Tarantini invece di chiamarlo pappone, lo si chiama “imprenditore”. Ciuffone, il nostro vizioso premier, invece di chiamarlo puttaniere, lo si chiama “utilizzatore finale”. Infine la D’Addario la si chiama escort, quando fin poco tempo fa la si sarebbe chiamata prostituta (e mi limito).

 

E così via,  i passeggeri dei voli di Stato, cioè i bancali di figa aviotrasportata per la penisola , vengono fatti passare per intrattenimento istituzionale, addirittura Neurone Gasparri passa per un politico capace. Quindi è logico non meravigliarsi se un decreto, che aumenterà l’insicurezza dei cittadini, venga chiamato “sicurezza”. E’ la stessa tecnica che usavano i nazisti per i campi di sterminio, infatti li chiamavano “campi della gioventù”.

 

Rondaaa Su Rondaaa. Via libera alle ronde, in pratica lo Stato alza bandiera bianca dice ai cittadini di organizzarsi da soli, limitandosi a sovvenzionare il tutto. Voi penserete :” Ma se lo Stato quei soldi li desse alla polizia per comprare la benzina o assumere più agenti non sarebbe meglio?”, il guaio è che voi siete sani di mente, loro no. L’altro pericolo è che questi gruppi di deficienti vestiti da carnevale aumenterà i pericoli o i falsi allarmi, per non parlare dell’odio razziale. Se dei vigili urbani di Parma, che si suppone siano addestrati, scambiano un ragazzo di colore per un rapinatore e lo manganellano a sangue, cosa possono combinare alcuni di questi ebeti che vanno in giro vestiti da nazisti ?

 

Reato di Clandestinità. Altro capolavoro di demenza delle nostre menti a perdere, il reato di clandestinità, gli stranieri che si trovano nel nostro paese e non hanno un lavoro regolare (causa anche della demenzialità della legge Bossi-Fini, cioè puoi venire a cercare lavoro in Italia solo se già ce l’hai) saranno accusati di questo reato e quindi sottoposti a processo e incarcerati. La logica dice : “se proprio devi essere razzista, quindi non vuoi gli stranieri, cacciali!” ma loro no, dato che i soldi ci escono dalle orecchie e le nostre carceri sono vuote hanno deciso bene di riempire i tribunali di processi inutili. Il tutto per un reato assurdo e che difficilmente sarà applicabile, si calcola che le sole badanti abusive siano 600mila, dove le mettiamo? Avremmo gia problemi solo se riuscissimo a prenderne la metà. Quindi è tutta fuffa.

 

Intercettazioni. Questa è la ciliegina finale su una torta di sterco. Da un lato si grida alla sicurezza della pena e con questa norma si garantisce l’impunibilità. Come per la Bossi-Fini anche qui c’è il giochino schizofrenico. Questi sopraffini pensatori, eccelsi scopritori di acqua calda, utili quanto una scalda chiodi, hanno pensato : Si potrà intercettare solo con “evidenti prove di colpevolezza”, si non siete pazzi avete capito bene. L’intercettazione, che serve per scoprire prove di colpevolezza, si potrà utilizzare solo se già hai le prove della colpevolezza della persona, quindi di fatto non sarà mai usato, perché le prove o ce le hai già, quindi intercettare è inutile, oppure non hai prove ma non puoi intercettare per avere prove perché per farlo ti servono già. Il tutto imbavagliando la stampa impedendo di pubblicare qualsiasi cosa inerente all'indagine. Quindi i neo Aldo,Giovanni e Giacomo cioè Maroni,Alfano e Ghedini, quando hanno scritto questa legge, o ci volevano dimostrare di essere pazzi oppure di essere criminali.

 

 

Ma mentre gli sparuti neuroni dei tre sopraccitati si prendevano a botte, l’Utilizzatore Finale è stato un po’ in giro nell’ultima settimana, la mattina andava a ballare a Napoli il pomeriggio passeggiatina a Viareggio per visitare l’ultima strage. In entrambi i casi contestazioni quindi Ciuffone fuggiva col parrucchino tra le gambe. Peccato perché s’era portato appresso anche l’Inutile Sacconi, gliela aveva promesso dopo l’Aquila “alla prossima strage ti porto anche a te” pensava così di aumentare la sua popolarità  nei sondaggi, peccato.

 

Intanto tra una scossa e l’altra continua la mesa in sicurezza del G8. Rispetto a Genova nel 2001 stavolta la polizia è più pronta, cominceranno a manganellare già all’ingresso in Italia dei manifestanti, si stanno allestendo aree apposta negli aeroporti, chiedere ai vicentini. Che dire : lo Stato era stato.

I GIUSTIZIERI DELLA NOTTE.

Satira di difesa 24/2/2009

Questo governo bisogna dirlo stupisce ogni giorno di più, ha sempre una nuova cazzata da far uscire dal cilindro. Cazzata che si spaccia per soluzione a questo o quel problema. Devo dire che in quanto a demenzialità ormai ne hanno già fatte così tante da farci dimenticare i litigi interni dell’ultimo governo di centro sinistra.

 

Il decreto anti stupri è l’ennesimo capolavoro della deficienza umana applicata ad un leghista. Una volta si diceva “Date una macchina da scrivere ad una scimmia e lei, prima o poi, scriverà la divina commedia”.  Ecco un consiglio per il governo, non si potrebbe fare ministro una di quelle scimmie? O almeno sottosegretario, vice di DuMaroni, così magari gli da dei buoni consigli.

 

In pratica il decreto specifica che stuprare è reato. E si signori lo so che fin’ora ci davamo alla pazza gioia, stupravamo senza problemi, ma da oggi no. Si dice che sia pronto un emendamento di Neurone Gasparri che recita:” Anche ammazzare una persona è reato”, anche Sacchetto Sacconi è al lavoro, per migliorare la sicurezza dei lavoratori ha in mente una norma che : “vieta di mettere le mani o altre parti del corpo su fiamme, dato il rischio di bruciarsi”.  Insomma le emerite teste sono al lavoro per il nostro diletto  vedremo cosa ne uscirà.

 

Sottolineo pero un piccolo buco di questa noma, forse dovuta al troppo pensare delle nostre menti, le quali avranno avuto, per la troppa fatica, una sorta di artrite al cervello o un crampo chi sa, fatta eccezione (causa assenza) per Neurone Gasparri ovviamente. Ebbene questo decreto permette di poter tenere in carcere il sospettato di stupro anche prima del processo, negandogli quindi la possibilità degli arresti domiciliari.

 

Può essere giusta o sbagliata la cosa, per me ad esempio è sbagliata dato che il problema è la lentezza dei processi, ma sta di fatto che da oggi se ammazzi qualcuno puoi andare agli arresti domiciliari, in attesa della fine del processo, ma se stupri o sei sospettato di stupro no.

 

Si lo so, non è comicità ma la realtà, non sforzatevi di capire: non siete abbastanza folli per farlo. Altra bella novità di questo decreto è la legalizzazione delle ronde di cittadini.  Accolta con soddisfazione di molti tra sindaci di un po’ tutte le sponde politiche. In pratica per la prima volta lo Stato ammette la su sconfitta. C’è chi ha già pronte le divise, chi come il Porcellum Calderoli ha già pronti i suoi maiali da caccia, solo un dubbio mi sovviene chi porterà al guinzaglio chi?

 

Dovremmo sentici più sicuri con delle persone in giro non addestrate per questo genere di cose? Nel paese della logica a contrario la risposta è si. Dal governo specificano che le ronde non saranno armate, ma vuoi che non ci sia qualche esaltato che si sentirà autorizzato farlo?

 

Insomma assistiamo all’ennesima schifezza, hanno messo su l’ennesimo fuoco di paglia che non porterà  niente. Il pesce puzza dalla testa, come può una classe dirigente come la nostra, che fa di tutto per sfuggire alla giustizia, elaborare una legge che serva a tutti faranno sempre queste norme per qualche reato che non li coinvolge direttamente. Sempre che il nostro premier non inizi a stuprare.

NON SI PENSI CHE SIA FASCISMO.

Satira di difesa 2 26/5/2008

C’è un ritorno al fascismo ? Non credo, ma accadono cose strane. Il fatto non è tanto il ritorno al fascismo, cosa molto difficile, spero, ma il fatto che abbiamo dei fascisti senza palle, molto più pericolosi di quelli del ventennio. E si perché i fascisti vissuti nel ventennio, e immediatamente dopo, si dichiaravano tranquillamente per quello che erano senza avere paura delle conseguenze, cioè con orgoglio, e mantenevano una loro coerenza, anche se sbagliata.

Oggi invece ci sono questi diciamo “fascisti evoluti” che non hanno il coraggio di prendersi le responsabilità delle conseguenze delle loro dichiarazioni - atti, o semplicemente sono paraculi, e già questo spiegherebbe tutto. Si fomenta l’odio, si esaltano le ronde, poi se succede che qualche idiota prende alla lettera le parole dei suoi leader, essi si riparano nel prendere le distanze.

Un esempio, prendiamo il sindaco di Verona Tosi, il leghista della ronda accanto. Alcuni neo-nazisti-fascisti-testecazzisti pestano a morte un ragazzo, con la scusa dell’accendino, ebbene il nostro Tosi giustamente si dichiara contro la violenza. Poi vai a vedere meglio e ti accorgi che a Verona si registrano tantissimi casi di violenza simili ora a uno straniero, ora a un gay, ora a una persona di sinistra. Vai a vedere ancora meglio e ti ritrovi Tosi che partecipa alla manifestazione si Forza Nuova, movimento di estrema destra, e vedi che il nostro sindaco capeggia sorridente il corteo, nel quale non mancano le croci celtiche e altri simboli e striscioni razzisti, insomma tutto il materiale dell’antisemita fai da te. Quindi chi compie certi atti si sente incentivato da uno come Tosi, il quale però è anche paraculo dato che prima butta il sasso, poi quando c’è una tragedia nasconde la mano e si dice contro la violenza.

Al club del paraculo andrebbe aggiunto anche Gentilini, il quale ha trovato un curioso escamotage per essere sindaco di Treviso per il terzo mandato consecutivo (vietato dalla legge). In pratica alle elezioni vince Gobbo, sempre della Lega, ma lui lo manda a spasso e anche essendo il suo vice, di fatto fa il sindaco, che esempio di democrazia. Anche lui è contro la violenza, per carità, ma poi dichiara “disposizioni alla comandante dei vigili urbani affinché faccia pulizia etnica dei culattoni” oppure sugli extra-comunitari ai quali, secondo Gentilini, “bisognerebbe sparare ai gommoni”. Insomma un pacifista convinto

Ma la nostra penisola offre tanti esempi di questi grandissimi figli di…della lupa, prendiamo Alemanno a Roma. Gianni appena eletto festeggia con un corteo di croci celtiche e altri accessori, “stranamente” assenti nei tg, poi vuole dedicare una strada al fascista Almirante (una volta si dedicavano a chi liberava l’Italia e non a chi l’occupava). Ebbene Gianni appena sente di atti vandalici contro negozi gestiti da stranieri, subito fa un salto di paraculismo prendendo le distanze da certi atti che, si sappia per i maligni, non sono fascisti, la coerenza e tutto.

Come non parlare della discarica di Chiaiano, il governo dello “Stato prima di tutto” della legalità e della libertà come primo atto toglie la libertà di manifestare contro le discariche. Inizia bene, poi manda poliziotti e carabinieri contro i cittadini, vengono pestati tutti anziani compresi, il tutto poi per via decreto, come ai tempi andati, ma attenzione non è fascismo per carità dicesi libertà. Ovviamente dai tg chi protesta passa per camorrista, dimenticando un piccolo particolare e cioè che per vivere hai bisogno dell’acqua, se si fa una discarica sulla falda acquifera come la mettiamo ? E per questo che si protesta. Ma i cittadini, abbandonati anche dall’opposizione ( hanno la coda di paglia a causa di Bassolino) , diventano loro i criminali e vanno manganellati (o per punizione devono subire la compagnia della Mussolini), dato che non si rassegnano a bere acqua.

Insomma il problema non è il ritorno al fascismo, ma l’affermarsi del paraculismo, accompagnato da ipocrisia pura, certi politicanti hanno paura di mostrarsi per quello che sono realmente, rischiano di rimanere soli. Quindi è meglio prendere le distanze, è non si pensi che sia fascismo.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napoli fascismo proteste ronde chiaiano

permalink | inviato da Liberazona il 26/5/2008 alle 9:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa