.
Annunci online

VEGGENTI E PARACULI.

Satira di difesa 2 8/10/2008



Una cosa è chiara, siamo un paese di veggenti. In questi giorni si moltiplicano quelli che già sapevano della crisi economica. Ci ritroviamo tutti questi maghi Otelma, i quali con fare da uomini di mondo, ci dicono che sapevano benissimo come andava a finire. Il guaio che non hanno mai pensato di dircelo, così magari i piccoli risparmiatori evitavano di investire in certi titoli, ma bisogna dire che si impegnano moltissimo nel tranquillizzarci. Questi Nostradamus de’ noialtri fossero dei semplici “esperti” indipendenti sarebbero giustificati, ma essendo stati o stando al governo, non possono fare i paraculi prendendo in giro gli italiani.

E’ il caso ad esempio di Mario Baldassarri, il ReMogio del senato italiano. Costui va lunedì “all’Infedele” di Gad Lerner, e ci dice che lui già sapeva che la crisi arrivava, ha scritto anche un libro apposta. Deve essere uno di quei best seller ottimi per sistemare i piedi dei comò o tavolini vari. Il ReMogio con sorrisetto sprezzante ridicolizza chiunque, più esperto di lui, si è battuto nel denunciare la decadenza del sistema economico nel quale viviamo, mentre lui essendo stato al governo un paio di volte, e proprio al ministero delle finanze, se ne strafottuto di fare qualcosa o di consigliare agli italiani su cosa non investire.

Un altro Nostradamus dei poveri è lui, il nostro commercialista preferito dagli evasori, lo JettatoreTremonti. Anche lui già sapeva tutto, e da anni andava in giro a dire che c’è la crisi facendosi figo, secondo lui. E’ un po’ come se un medico, ai suoi pazienti, continuasse a dire che sono malati, ma non gli dice come curarsi. Lo Jettatore si fa difensore dei risparmiatori, e intanto si accorda con le banche per fare una legge cartello sui mutui. E poi c’è l’etica, sia il ReMogio sia lo Jettatore, si appellano ad essa. Peccato che stando al governo hanno fatto approvare le peggiori leggi sulla finanza da quando esiste la Repubblica italiana, dalla depenalizzazione del falso in bilancio, alla possibilità di poter fare un po’ di nero, fino vari condoni fiscali e altro schifo ancora.

E’ poi c’è il caso Unicredit, a tranquillizzare i clienti ci pensa Salvatore Ligresti che, dato il suo passato da tangentaro, è rassicurante come Freddie Krueger quando tranquillizza le sue vittime, e magari con le lame ancora grondanti di sangue, prima di scannarle. Ma il paraculismo da noi è molto diffuso e a tutti i livelli, soprattutto nella politica. George Napolitano, dopo il GerarcaFini, sembra essere uscito dal coma costituzionale, e dopo aver firmato quello schifo della Alfano, fa sapere che "In Italia si governa, come in tutte le democrazie parlamentari, con leggi discusse e approvate dalle Camere nei modi e nei tempi previsti dai rispettivi regolamenti e solo in casi di straordinaria necessità e urgenza con decreti".

Che il nostro presidente si sia allarmato per gli oltre quaranta decreti, contati male ma probabile che siano di più, fatti da questo governo? Che tra l’altro passa pure per solido, e proprio per questo ha già votato sei volte la fiducia, l’ultima ieri per la Gelmini. Al presidente vorrei dire che c’è un modo per far finire tutto questo, basta non firmare più le leggi, soprattutto quelle incostituzionali.

GIORGIO SIA LODATO.

Satira di difesa 2 24/7/2008

Lodo Alfano, c'è il sì di Napolitano
Il ministro:«Ora dialogo sulla giustizia»

(Corriere della Sera, 23 luglio 2008)



ENNE DI NAPOLI…..O NAIROBI ?

NAPOLInelCUORE 5/1/2008



E’ Napoli o Nairobi non lo capisco, l’Italia è o almeno dovrebbe essere uno dei paesi più industrializzati del mondo, siamo o non siamo nei G7 G8 o come cacchio si chiamano, eppure noi da paese industrializzato abbiamo una situazione in Campania simile alla periferia di Nairobi, dove la gente ha delle baracche tra i rifiuti….noi siamo l’evoluzione visto che abbiamo le palazzine tra i rifiuti.

I topi oramai hanno abbandonato la città, quelle docili bestioline lunghi mezzo metro se ne vanno schifate, anche per loro è troppo…quasi quasi emigrano nelle fogne indiane…si stà meglio più puliti e non rischi di bruciare vivo.

Il presidente GeorgeNapolitano si è svegliato ! cazzarola finalmente ! direi… si è accorto della situazione….come avrà fatto ? forse perché, durante la sua visita a Napoli, non sono riusciti a trovare un tappeto abbastanza grande per nascondere la munnezza…..o forse dalla puzza di merda proveniente da Bassolino, che sembra incredibile ma riesce a coprire pure quella dei rifiuti.

Dov’era George quando si è denunciato più volte negli anni la situazione, perché non si è occupato del compagno di partito ReAntuan Bassolinum , dopo tanti anni di spalle voltate al problema adesso rilascia continue dichiarazioni, lui che non ha mostrato neanche rispetto per i morti della Tyssenkrupp andando ai funerali, ha preferito la prima della Scala.

<< Sono Allarmato >> fa sapere il presidente...sti’cazzi dice il popolo partenopeo che oramai è oltre la soglia di allarme adesso è in fase “giramento di coglioni”…e si sa quando girano creano un vortice che trascina tutto. ReAntuan fa sapere che non si dimette…è ovvio lui mica si sente colpevole…ma stranamente gira voce che si sia fatto fare una plastica facciale per non farsi riconoscere dalla gente, ma il chirurgo, rassegnato, dichiara “con una faccia da culo così non si può fare niente” e la conferma di questa affermazione è arrivata subito da ReAntuan medesimo, pare abbia detto :<< Penso di poter dare ancora un contributo >> nooo! Anto’ per cortesia stai fermo basta così.

E l’opposizione nulla…non si sente niente, vabbè che a Napoli non c’è mai stata un opposizione, salvo rari casi, altrimenti non si sarebbe finiti così. La politica nazionale è occupata in altre cose importanti si parla di legge elettorale, che oramai si è capito quale il sistema che mette tutti d’accordo…non è il francese o il tedesco ma il classico sistema di inculata all’italiana…dove ovviamente il deretano è nostro.

Se non si parla di legge elettorale, si parla di legge 194 sull’aborto, ora alla cena dei cretini si è unito anche l’InsulsoCasini fa le sue vuote dichiarazioni….ma dato che danno opinioni un po’ tutti perchè lui no? Qualche urlo a bassa voce sul caso Napoli parte da qualche Gasparri, che sembra sempre più meravigliato di trovarsi in parlamento, un CamerataFrancescazzo(Storace), che di rifiuti ne capisce essendo lui uno scarto della destra, un Cesa, che tra una tangente e l’atra parla pure, e come non citare il PorcellumCarlderoli, che stranamente protesta…eppure ai maiali dovrebbe piacere la situazione.

Insomma una politica che non sa decidere, e che non ci fa decidere, una legge elettorale decente o che rimette in discussione vecchie leggi, come può occuparsi di un problema serio come i rifiuti…questi qui riciclo e riutilizzo, a parte per i soldi, non sanno neanche cos’è….ascoltano con sguardo assente e idiota, tipo Borghezzio quando gli spiegano come si fa una divisione…….senza offesa per gli idioti Eh.

ANCHE GIORGIO LE SPARA GROSSE.

Satira di difesa 2 4/11/2007



E adesso ci si mette pure il Presidente, nella bagarre delle dichiarazioni vuote e senza senso GeorgeNapolitano se ne esce con : <<Garantire la pace anche fuori dai confini nazionali. Non possiamo delegare>> sono parole lodevoli quanto ipocrite.

Per avere la pace è semplice, caro presidente, basta non partecipare alle guerre, soprattutto quando sia il Nanodellelibertà sia il BaffettoaVela le spacciano per operazioni di pace, beh si sa come porta pace un bombardamento, diciamo che si ottiene un silenzio…..tombale.

Ma GeorgeNapolitano in vena di vaccate subito regala un’altra perla del tipo : piu finanziamento alle spese militari. Si può essere d’accordo, ma prima di mandare altri militari in zone di guerra, mi occuperei di quelli che già ci sono stati e non sono tornati proprio bene bene.

I militari che sono stati in Kosovo ad esempio, i quali hanno contratto diverse malattie dall’esposizione all’uranio impoverito, militari che stanno sparendo nel silenzio totale e la stessa cosa accade per i loro colleghi statunitensi impiegati nelle guerre irachene.

Aiutiamo anche quei militari italiani impegnati in un’altra zona di guerra chiamata Italia, sa com’è presidente è difficile combattere la criminalità senza la benzina in auto, il criminale, stranamente, tende a fuggire quando fede le forze dell’ordine e se per giunta ha anche l’auto lui riesce a permetterselo un pieno di benzina.

Ah George George secondo me ultimamente stai frequentando il Nanodelleliberta, sai com'è quando si tratta di sparare vaccate è sempre il migliore, c’è anche il detto popolare che dice : “Chi và con il Nano impara a sparlare”.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napolitano guerra pace forze armate

permalink | inviato da Liberazona il 4/11/2007 alle 14:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa