.
Annunci online

LO STRANO CASO DEL TG2

Satira di difesa 12/11/2008


Certo che certe cose capitano proprio a fagiolo. Un esempio è la puntata del 10 novembre di Matrixciana diretta dallo scomodo, si fa per dire, Mentana. Il nostro dedica una puntata alla satira in Italia e non smette di ribadire che da noi c’è tanta libertà da fare schifo. Tra l’altro dirlo a Mediaset è come gridare che c’è la democrazia dal balcone di Mussolini Invertebrati come Facci ritengono addirittura che bisogna stabilire dei limiti e delle regole alla satira, dato che secondo lui non è possibile che si arrivi a parlar male del papa. Povero Dante Alighieri .

Lo ScomodinoEnrico porta avanti la sua tesi, proprio lo stesso giorno in cui veniamo a sapere che siamo un paese talmente libero da rispolverare quella schifezza della legge Levi sul controllo dei blog, per dire. E’ vero che da noi si fa ancora satira, ma non dimentichiamo che ci sono casi come quelli dei Guzzanti e Luttazzi, i quali sono chiari esempi che la satira dura viene zittita. Ma il problema è un altro al posto di celebrare la satira, necessiterebbe una puntata che commemorasse l’informazione. E’ lei la grande assente nel nostro paese, tranne qualche piccola isola felice televisiva o della carta stampata.

Prendiamo un telegiornale a caso come esempio, non il TG1 di Gianni Ricotta già ampiamente e giustamente martirizzato, dato che è una schifezza totale. Prendiamo il TG2 che a fatica sta cercando di essere peggiore di quello di Rai Uno, in un incredibile corsa al ribasso. Ebbene neanche nella Corea del Nord si vedrebbero certe cose. Il Tg2 va a stagioni in primavera dedica tanti servizi a una discussione fondamentale che sta spaccando il mondo della scienza : Bisogna fare il pisolino pomeridiano ? E quanto deve durare? Questo quesito fondamentale vede da anni il TG2 farne una crociata per far sapere al cittadino cosa dice questo o quel ricercatore di un università impronunciabile.

Poi arriva l’autunno, cadono le foglie e arriva l’influenza, vuoi che il Tg2 non abbia già pronto il solito servizio sui vaccini? E infatti eccolo puntuale, le immagini sono sempre le stesse cambia qualche volta la voce fuori campo, ma finisce sempre alla stessa maniera: opinioni della gente. Chi lo fa, chi no e al termine il telespettatore non capisce se sto cazzo di vaccino lo deve fare o meno.

Poi per tutti gli iscritti al WWF c’è sempre qualche animale che da qualche parte del globo terracqueo sta mangiando/scopando/o rompendo i coglioni a qualcuno in modo tanto particolare tanto da meritare un posto tra le notizie del Tg2. Negli ultimi giorni l’Obama mania sembra aver posseduto il direttore Mazza. Ogni giorno ha sempre una novità demenziale a proposito del neo presidente eletto negli USA. Dalla cucina preferita al cane che sceglierà, insomma tra poco arriveremo a sapere anche la posizione preferita per scopare.

Anche oggi Mazza non ne ha potuto fare a meno sacrificando spazio al ricordo della strage di Nassirya. Ma forse è meglio così qualcuno potrebbe farsi delle domande tipo : perché eravamo lì ?


E LO CHIAMANO IMPUNITA’

Satira di difesa 18/6/2008

C’è l’ha messa tutta e alla fine l’ha superato, è ufficiale Matrixciana, la trasmissione condotta dallo Scomodino(a chi?) Mentana, ha superato in servilismo il suo rivale Porta a Portese, del quale è stato sempre una fotocopia. Bisogna dire però che per lo Scomodino la vita è più facile, infatti mentre l’UntuosoVespa deve recitare sempre la parte “dell’Arlecchino servo di due padroni” e cioè disinformare senza offendere l’una e l’altra parte politica, lo Scomodino invece uno ne ha di padrone e lo serve…basta.

Un esempio di come ormai l’informazione in tv non si sa cosa sia lo si poteva vedere dalla puntata di ieri sera dello Scomodino. Il tema era il ddl-vergogna del Nanodellelibertà(sue), cioè il blocco dei processi per i reati compiuti fino al 2002 ( guarda caso c’è un suo processo) e la limitazione delle intercettazioni sia per i pm nell’indagare, sia per i giornalisti vietandone la pubblicazione fino all’inizio del processo (cioè per anni).

Gli ospiti in studio erano Soro per il PD e l’avvocato del Ciuffone-onorevole-componente della commissione giustizia (qualche conflitto d’interesse ?) Ghedini, il quale per l’occasione sfoggiava l’intervento di chirurgia estetica appena fatto : La faccia sostituita col culo. Già da gli ospiti si era capito il capolavoro dello Scomodino. Cioè trasformare il problema del NanoinLibertà, in problemi che hanno tutti gli italiani con la giustizia, con l’aiuto di un ospite.

Infatti veniva lasciato parlare a ruota libera l’Azzeccagarbugli ( Ghedini), con la scusa di spiegare il ddl fa una vera e propria arringa difensiva del suo cliente, con inesattezze plateali del tipo assoluzione invece di prescrizione, oppure descrivendo un fantasioso accanimento dei magistrati verso il suo povero cliente che nulla ha fatto, tranne corrompere qualche senatore o giudice o generale della finanza s’intende. Per poi descrivere il processo Mills, e non solo, alla sua maniera e tutti con lo stesso finale : i giudici hanno creato un processo senza prove…Che cattivi UNGUEEEEEE..

Soro tenta di rispondere ma gli escono una serie di balbettii, poverino non è colpa sua purtroppo è in una trappola ben congeniata, credeva di dover parlare del ddl e non dei processi del Ciuffone. Lui poi da buon PD non conosce bene il suo avversario, e lo ammette pure, non sa dei 7 processi chiusi tra prescrizione e amnistia ( in pratica l’imputato è colpevole ma si è salvato) come non sa o non ricorda che che nello Sme-Ariosto 2, l’imputato è assolto perché ha cancellato il reato.

Insomma Soro si dimostra l’avversario ideale per il Nano. Lo Scomodino fa la sua bella figura, l’Azzeccagarbugli si guadagna il suo onorario, e tutti vissero felici e condannati.

BUCATINI ALLA MATRIXCIANA.

Informazione 8/5/2008



La puntata di Matrixciana ( al secolo Matrix) andata in onda la sera del 6 maggio 2008 è un esempio, da mostrare alle università, di come è combinata, male, l’informazione televisiva nel nostro paese. Il Mentana, il quale in Mediaset passa per “scomodo” e comunista, mette su un teatrino nel quale si mescola un po’ tutto senza capirci niente.

Il tema della serata è il V2-Day di Grillo con relativo dibattito sulle fondate o meno dichiarazioni del comico genovese, in pratica, visto il successo della trasmissione di Santoro, lo Scomodino decide di mettere su una puntata operando di copia e incolla, gli spezzoni della manifestazione erano gli stessi di Annozero, ma senza aggiungere niente di interessante e confondere ancora di più la gente.

Gli ospiti in studio si dividevano in tre categorie : Scienziati, giornalisti e politici; per ogni categoria c’era uno pro Grillo e un altro contro. Come scienziati c’erano : Montanari, esperto in nanopatologie (pro Grillo conto gli inceneritori), Michele Giugliano del Politecnico di Milano, specializzato nell’analizzare le emissioni degli inceneritori (contro Grillo pro inceneritori); i Giornalisti : Andrea Scalzi, autore della biografia “Te lo do io Beppe Grillo” (pro Grillo), Filippo Facci (il Giornale), lo so cosa pensate la parola “giornalista” con quella “Facci” suona come un insulto, e me ne scuso, ma il nostro viene presentato così. Facci è autore di un’inchiesta a puntate su Grillo, pubblicato sul “Giornale”, in pratica non si è mai visto un insieme così ingarbugliato di voci di corridoio, di fonti non dichiarate, e di fatti personali (tipo l’accusa di tirchieria o che da giovane andava in giro in tuta) che c’entrano poco o niente con il messaggio che cerca di far passare il comico, e per questo fa almeno dubitare l’uso improprio che il Facci fa della parola “giornalista”.

Infine come politici c’erano: Di Pietro (pro Grillo e aderente al V2-Day) e il mitico Gasparri, autore dell’omonima legge sul riassetto televisivo (salva Rete4, chi ne parla male dice che forse l’abbia scritta Confalonieri, chi ne parla bene dice che sicuramente l’ha scritta Confalonieri) e bocciata dall’Unione Europea.

La tecnica che usa lo Scomodino Enrico e quella di far dire una cosa a chi è pro ed una a chi è contro, vedendosi bene dall’approfondire l’argomento e dal citare fonti d’informazione neutrali, ottenendo come risultato un intrattenimento del telespettatore ma senza un informazione. Quindi alla fine vale qualsiasi opinione, una persona può essere sia a favore di Montanari che di Giugliano visto che a nessuno dei due viene data la possibilità di esporre dati ( e naturalmente lo Scomodino neanche ci pensa, non si sa mai la gente rischierebbe di capire).

Il tutto si chiude con il CamerataGasparri che attacca la persona di Grillo, definendolo assassino ( a causa di una condanna nel 1988 per omicidio colposo, condanna mai nascosta dal comico). il Camerata si mostra inorridito dal fatto che Grillo non voglia i condannati in parlamento essendo lui stesso un condannato, lo so che non capite l’attinenza ma è pur sempre Gasparri, la logica è un lusso che non può permettersi, si dovrebbe apprezzare un pregiudicato che fa un discorso del genere (visto che non è in parlamento). Mi piacerebbe che Gasparri inorridisse anche per i condannati per mafia presenti in parlamento nel PDLC (popolo della libertà condizionale), ma ciò stranamente non avviene mai.

Altro attacco del Camerata è sul condono fiscale fatto da Grillo, durante il governo Berlusconi, sempre criticato dal comico. Il fatto è che il Camerata omette un particolare, il condono è stato fatto per una cifra di ben 500euro, e probabile che ciò sia avvenuto al seguito di un errore contabile, Grillo del condono ha sempre criticato il fatto che favorisse l’evasione, come dai dati si è successivamente visto.

Sono anche i piccoli particolari che fanno informazione.