.
Annunci online

SCUSI POSSO ENTRARE ? IN LISTA INTENDO….

Satira di difesa 2 5/3/2008

 

Il mago Weltron, leader del PD, ha sfornato calde calde le sue belle liste, c’è un po’ di tutto dai giovani ai vecchi marpioni, dagli operai agli imprenditori, dall’opus dei ai radicali. E proprio questi ultimi sono amareggiati per come si sono compilate le liste, ma non sono gli unici. un po’ a torto un po’ a ragione. in tutta la penisola si sentono mugugni, lacrimucce e qualche immancabile fanculo. Tra i tanti si lamenta anche la A.I.I. (Associazione Idraulici Italiani) il motivo è la mancanza di almeno un rappresentante in lista, ma l’AstrattoWalter subito smentisce : “Abbiamo candidato Sircana, lui di tubi ne capisce e molto anche”.

In realtà il problema vero lo evidenzia il caso Lumia, vice-presidente dell’Antimafia escluso in Sicilia, un uomo che lotta continuamente contro la mafia tanto da vivere sotto scorta, stesso destino che è spettato a Nando Dalla Chiesa. Il PD giustamente fa valere anche per lui la legge interna delle due candidature e basta, ma possibile che non c’è nessun altro da candidare di altrettanto autorevole ? Sembra che la risposta sia “no” tant’è che anche la regola del “nessun condannato” viene infranta con la candidatura del duo Cusumano e Carra, il primo prescritto per appalti truccati il secondo condannato per false dichiarazioni al pool di Milano e qui sarà curioso vedere Di Pietro e Carra vicini di banco in parlamento della serie : Ancora tu ? ma non dovevamo vederci più ?.

Per concludere con le liste della vergogna del PD in Sicilia come non citare Crisafulli, trattasi di incensurato anche se i carabinieri dal 2001 sono in possesso di un video che lo vede il compagnia di Bevilaqua allora boss di Enna, i due discutevano amichevolmente di appalti pubblici e tante altre belle cose, ora dico io perché offendere l’intelligenza della gente ? vabbè che il caro Crisafulli non è condannato, ma sicuramente non sarebbe stato il caso candidarlo se non altro per il fatto che rischia di essere intercettato e di sputtanare il partito, un po’ di furbizia cacchio !

Gli amanti dell’orrido saranno soddisfatti non dimentichiamo che all’appello mancano ancora le liste del Nanodellelibertà(sue) e dell’InsulsoCasini. E li c’è ne sarà da ridire o rabbrividire, da verificare se i 20 vecchi condannati forzisti presenti in parlamento saranno riconfermati o se addirittura saranno aumentati. L’Insulso invece un nome sicuro c’è l’ha, Totò Cuffaro e si ! lui si che se la suda la candidatura, le porte del parlamento si sono spalancate per lui dopo una faticosa condanna in primo grado per cinque anni e ovviamente l’interdizione dai pubblici uffici, ma cosa volete che sia Montecitorio è da anni che ormai non è più pubblico.

A questo punto proporrei, giusto per semplificare le cose, una lista unica dei condannati sia di destra che di sinistra che di centro, così tanto per avere le idee chiare, magari come logo ci mettiamo delle belle manette spezzate e la scritta “Libertas” che piace tanto ai nostalcigi. L’unico problema sarà chi mettere in testa alla lista tra Dell’Utri,Cuffaro,Previti e compagnia chi è il migliore dei peggiori ?

VENGHINO SIGNORI E’ LA SAGRA DELLA PROMESSA

Satira di difesa 2 28/2/2008

 



Mamma mia che casino, ma quando si va a votare, non se ne può più, stiamo subendo l’invasione delle ultrastronzate per mezzo televisivo, della serie come si vede che siamo in campagna elettorale.

Non si capisce più niente, tutti i candidati alla presidenza fanno promesse talmente simili quasi da confondersi negli schieramenti, il Nanodellelibertà per sbaglio è andato a fare un discorso al congresso del PD, il guaio è che dopo il pubblico lo ha applaudito confondendolo con l’AstrattoWalter.

Il leader del PD è un qualcosa di incredibile, in primis dice di non voler ricreare quel casino a cielo aperto che era l’Unione, ma a mano a mano che si avvicina al voto il suo partito assorbe sempre più gente che in comune ha ben poco, e se escludiamo il fatto che tutti sono umani, in comune non hanno niente. Come possiamo immaginare la convivenza tra radicali e i membri dell’Opus Dei ?, secondo me finisce col tirarsi i piatti addosso, anzi in questo caso a frustate.

Ma l’AstrattoWalter non si ferma qui, lui imperterrito continua sulla via della vaccata caccia, a ragione, De Mita per anzianità ma poi candida Veronesi……bah. Insomma l’Astratto sta riproponendo un Unione in piccolo e tutta dentro al PD.

In casa dell’Arcobaleno invece l’autolesionismo la fa da padrona, tanto per cambiare, il grosso guaio è che lasciano che la SalmaFausta parli in pubblico, causando danni enormi e ovviamente perdite di voti, il povero Bertinotti sarebbe un politico ottimo se vivessimo nel 1929, ma allo stato attuale è decisamente improponibile, usa un repertorio di proposte indecifrabile a Matrixciana, nonostante Mentana c’è la mettesse tutta a metterlo a suo agio, non si riusciva a capire che cazzo di programma ha.

La SalmaFausta inizia a snocciolare trattati sul capitalismo, si è registrato un incremento dei suicidi negli studi mediaset, gente che non c’è la faceva più a sentire le supercazzole di Bertinotti sulla lotta di classe e altro. Neanche Lenin se fosse ancora vivo direbbe più certe cose, lui avrebbe capito che certe cose vanno superate bisogna evolversi.

Forse la Sinistra Arcobaleno farebbe meglio a chiedere un cambio salme con mosca, sicuramente ci guadagneranno tutti.

DIE HARD DURO A MORIRE…PURTROPPO.

Satira di difesa 2 21/2/2008

 

E Ciriaco non ci stà, così dopo anni di lavoro oscuro al riparo dalle luci del palco lui mente e cuore della Margherita da anni agiva nell’ombra dando anche poche interviste, ma oggi dopo questo lungo silenzio torna a farsi vedere in pubblico. De Mita si è offeso voleva che il PD dell’AstrattoWalter lo candidasse, questo duro a morire della politica, che farebbe un baffo anche al miglior Bruce Willis, non ci stà all’esclusione per raggiunti limiti d’età e quindi con una faccia da culo che solo un democristiano di razza , brutta razza, può avere protesta pubblicamente.

Il fatto che sia oramai ottantenne che da più di 40 anni è in politica, senza essere mai riuscito a parlare bene in italiano tra l’altro, e che in virtù di questo quindi sia il caso di fare posto ad altri proprio non ci pensa, lui crede ancora di poter dare qualcosa al paese, cosa sia poi è ignoto di sicuro c’è che il paese ha dato tanto a lui e sicuramente anche troppo.

BruceDeMitaWillis usa parole dure del tipo << Mi sento insultato e me ne vado >> per lui le regole non devono valere, se lo statuto del PD dice che dopo due legislature non si può più candidare nessuno degli iscritti, eh beh per lui si deve fare un eccezione data la sua << Intelligenza politica >>, appena pronunciate quelle parole nella sala del congresso del PD si sparge un imbarazzante silenzio, tutti i partecipanti si meravigliano del fatto che De Mita avesse un “intelligenza” e per di più “politica” addirittura.

Insomma dall’ex presidente del consiglio a capo del famoso governo del pentapartito, ci si aspettava un po’ di silenzio, giusto per ricordare fù quel governo che fece iniziare l’indebitamento pubblico dell’Italia che è arrivato ai giorni nostri al terzo posto nel mondo, ma niente da fare da noi parlano dei mitragliatori di minchiate come Sgarbi, perché lui no ?

E infine prima di zittirsi BruceDeMitaWillis minaccia il popolo italiano con un “non abbandonerò la politica” esatto avete capito bene e toccatevi le palle, successivamente poi abbiamo la mutazione da Bruce Willis a Highlander e dichiara : << io l'ultimo comizio lo farò quando muoio >>…ne rimarrà soltanto uno…, insomma calcolando la vita media dei politici c’è l’avremo sui coglioni ancora per molto.

Comunque Ciriaco non deve temere per lui c’è sempre posto, già s’è fatto avanti AcciTabacci con il suo cassonetto differenziato detto anche Rosa Bianca, oramai un dissidente non fa in tempo a rompere col suo partito che subito si ritrova Tabacci fuori la porta di casa con il suo campionario, tant’è che molti rimpiangono i bei tempi in cui a romperti le scatole erano i testimoni di Geova .

MI FA’ MALE IL PD……

Satira di difesa 2 11/10/2007

 

Lo so io non ne volevo parlare, ma è stato più forte di me, alla fine mi sono accodato ai tanti post sul Partito Democratico volevo evitarlo ma alla fine ci sono cascato.

Parlare male del PD è facile come sparare sulla croce rossa, oppure dire che Berlusconi è un criminale o che il cielo è blu, insomma dire una serie ci cose ovvie.

Ci sono tante pecche, forse troppe, uno degli obbiettivi del PD è voler ridurre i partiti in Italia, ma manco a farlo apposta quel sovversivo di Dini (bravissimo nel partecipare ai governi sia di destra che di sinistra) fonda i Liberal Democratici che ha suo dire sarà di centro ma vicino alla sinistra – tradotto significa: “teniamo il governo per le palle”- . Tra l’altro notare che LD sono anche le iniziali del suo fondatore Lamberto Dini....... che fantasia.

Altra cosa da notare è che da domenica scorsa sono già quattro i partiti fondati, tutti con pochi intimi (alla Follini per farci capire) della serie trovi più gente la notte in Autogrill che in questi partiti.

Quello che però mi provoca maggior lesionamento ai testicoli è il fatto che questo nuovo partito servirà per dare ancora lo stipendio ai vari Ciriaco De Mita, cioè alle solite vecchie facce da…..lascio a voi completare .

Se il partito fosse veramente democratico la classe dirigente dovrebbe sceglierla gli iscritti al partito, ma invece no quindi non ci sono facce nuove ma i soliti, tra l’altro c’è anche D’Alema (l’infiltrato della destra), il quale si può dire che è riuscito a uccidere la sinistra dato che da presidente del consiglio ha fatto danni enormi come solo uno di destra a sinistra può fare.

Ma invece danno alla gente le finte primarie, c’è suspense nell'aria tutti tesi ad aspettare il giorno dell’elezione del leader, come se non si sapesse che è Veltroni (l’uomo che sussurrava alle lumache) uno che non si capisce cosa voglia fare ; il suo programma politico è essere d’accordo con tutti, dice tutto e il suo contrario , quando parla ha una specie di astrattismo ipnotico che rimbecillisce chi lo ascolta e alla fine sono convinti che abbia detto qualcosa d’importante.

Se Veltroni è la risposta del futuro è probabile che la domanda sia sbagliata.