.
Annunci online

LA CONDANNO ALLA CANDIDATURA NEL PDL !

Satira di difesa 2 11/3/2008

 

Ah le cazzate del Nanodellelibertà(sue), non so ma quelle dette da lui hanno un sapore particolare quasi unico, un po’ come la nutella ovviamente il sapore non è di cioccolata, ma di un’altra sostanza sempre marrone vomitevole.

Ebbene il Nano, sulla candidatura del figlio di…lupa di Ciarrapico, dichiara : << ci serve >> aah beh ! allora anche il maiale è utile e serve, sicuramente più del LupoPeppino, ma mica qualcuno si sognerebbe di candidarlo….o no ? beh meno male che le liste sono chiuse.

Per ora, non si sono analizzate ancora bene le liste, il Senato attende con ansia, dopo Totò VasaVasa, anche Salvatore Sciascia, dirigente Fininvest condannato nel 2001, reo-confesso, per aver corrotto la guardia di finanza col fine di “non vedere” le irregolarità del gruppo, lo stesso Paolo Berlusconi ammise sia il proprio coinvolgimento sia quello del CavalierRinfoltito.

ULTIME DAL MANICOMIO.

Satira di difesa 10/3/2008

 

Se credevate che nell’ultimo post si era toccato il fondo e quindi finiva lì, beh ricredetevi si stà scavando ! Oramai non c’è la si fa più a stare dietro alla “fiera della cazzata” detta anche campagna elettorale.

ORE 9:00 Rientrato il caso Lumia, L’AstrattoWalter decide di ricandidare l’ex-vice presidente dell’antimafia, ma comunque Walterino non esclude i condannati Carrà e Cusumano e l’uomo che sussurrava ai picciotti Crisafulli, l’Astratto spiega così : << il Pd deve rappresentare tutti chi lotta contro la Mafia, ma anche chi lotta per la Mafia >>. Quando si dice la coerenza.

ORE 10:00 Il BaffettoaVela sempre più astioso verso il Nanodellelibertà(sue), in un intervista sull’Unità il Baffetto afferma che il Nano è “il vecchio”, che dire proprio non glielo ha perdonato, come una vera e propria amante tradita sputa veleno, d’altronde cercate di capirlo è stato sedotto e abbandonato in bicamerale.

ORE 11:00 E’ nelle librerie il nuovo volume edito dalla mondatori dal titolo “ Le minchiate dette dal GerarcaFini” due episodi da citare giusto per sponsorizzare il libro : durante un comizio il Gerarca mi dichiara che gli USA non sono pronti per un presidente nero, poi alla fine del discorso nel rispetto della libertà e della democrazia saluta il pubblico con un caloroso “ a noi” e alza la mano. Ma come se non bastasse questa intelligentissima testa di…..balilla che non è altro, dichiara : << Facciamo del 13 aprile la nuova festa della liberazione…..>> a noi italiani basta quella del 25 giusto per ricordarci di esserci liberati da gente come lui.

ORE 12:00 Il mai rimpianto Pastella dice di no alla richiesta di Boselli di candidarsi per i Socialisti, il ceppalonico statista ha dovuto rifiutare dato che li in mezzo ci sono troppi delinquenti, tipo De Michelis, e lui non si sente a suo agio, vorrebbe essere l’unico.

ORE 13.00 Sempre il facocero ceppaluto Pastella, dopo aver saputo che l’inchiesta “Why Not” è stata archiviata dichiara << Adesso chi mi risarcisce dalle dimissioni ? >> dimenticando ovviamente che si è dimesso per le indagini della procura di Santa Maria Capua Vetere sulla mugliera Sandrina. Comunque sia la comunità italiana tutta fa sapere “ Lo nominiamo presidente della Repubblica di Ceppaloni, basta che non viene più a rompere il cazzo in Italia”.

ORE 14:00 Come volevasi dimostrare non appena sono state solamente annunciate “Le nuove Comiche” , ovvero le liste del PDL già ci sono le prime risate, tenendo conto del fatto che si ride per non piangere. Si polemizza sulla candidatura di Ciarrapico, niente da dire sulla persona coerente con gli ideali di ForzaItaliaCriminale, infatti è stato condannato : a due anni, solo un mese in carcere e poi arresti domiciliari, per bancarotta fraudolenta nel’93 ; successivamente per finanziamento illecito ai partiti nel 2000, qui poi verrà scaricato ai servizi sociali…pensate quanti può aver mandato in depressione. Ci sarebbe infine la partecipazione al Lodo Mondatori, la sentenza comprata dal Nano per ottenere la casa editrice, e il famoso crak del Banco Ambrosiano di Calvi, nel quale lui fu uno dei colpevoli, ma non ha mai risarcito i danni alla parte civile dato che cambiava sempre residenza, come faceva la sigla di quel cartone animato…. A si Vola Vola Vola l’ApeCiarrapico. Come se non bastasse questo bellissimo curriculum Ciarrapico si presenta anche come fascista convinto e non pentito, strano però ai tempi del Duce quelli come lui non avevano vita lunga. Ovviamente anche le condanne di Ciarraapico per il Nano sono politiche, fatte da magistrati medium comunisti che già anni addietro avevano previsto una candidatura di Peppino Ciarrapico e lo hanno ingiustamente condannato.