.
Annunci online

QUESTI GIORNALISTI CRIMINALI…

Pensiero Orrendo nasce un poco strisciando 1/12/2009

“Vorrei sapere come Bagarella (in carcere) ha saputo quale sia l’abbreviazione da me usata per firmare le notizie ANSA e come faccia a conoscere i miei spostamenti, scrivendo nelle lettere anche quali vestiti indosso […..] Adesso – ha denunciato Abbate – le minacce arrivano anche alla mia famiglia”. ( Lirio Abbate giornalista minacciato dalla mafia e che vive da più di un anno sotto scorta al TG1, 30 luglio 2008).

 

“Da quando ha scritto il libro sulla camorra, ora divenuto un film pluripremiato, Roberto Saviano riceve continuamente minacce di morte. Questa è la prima intervista che rilascia a un giornale inglese da quando vive sotto scorta....” (The Guardian tradotto da Italiadallestero.it, 1 novembre 2008)

 

“I boss dei Casalesi Francesco Bidognetti e Antonio Iovine e l'avvocato Michele Santonastaso sono indagati per minacce a Saviano. L'inchiesta riguarda anche le minacce alla giornalista del quotidiano Il Mattino, Rosaria Capacchione. Il pm della Dda di Napoli ha emesso un avviso di conclusione delle indagini preliminari. L'indagine si riferisce a uno scritto letto in aula durante un processo dall'avvocato Santonastaso che, tra l'altro, definiva prezzolati lo scrittore e la giornalista.” (ANSA, 19 giugno 2009)

 

“Se trovo chi ha fatto le nove serie de La Piovra e chi scrive libri sulla mafia che ci fanno fare una bella figura lo strozzo” (il presidente del consiglio Silvio Berlusconi, ANSA 28 novembre 2009).

MORIRAI SI , MA COLTO !

NAPOLInelCUORE 6/1/2008



E il Bofonchiatore parlò : << Bisogna riaprire le scuole >>, dice il premier con il suo scagnozzo FiorinFioroni, che ha la stessa importanza di Ciccio di Nonnapapera, in merito alla situazione di Napoli. Il Bofonchiatore oggi particolarmente attivo, non mostrava segni del suo tipico torpore che lo fà sembrare una trota imbalsamata, ha anche dichiarato di aver pronto un piano a lungo termine per riportare in Campania una situazione di normalità.

In che modo farlo o in che settori interverrà non è dato sapere, magari si sapesse forse si convincerebbe la gente che manifesta a Pianura a porre fine alle proteste, ma a questo il premier non ci arriva, lui chiede semplicemente la riapertura delle scuole giusto per essere sicuri che i bambini respirino bene a pieni polmoni l’aria inquinata, così come gia succede per gli adulti andranno a ingrossare le file dei malati di tumore.

Il Bofonchiatore non chiede la testa di Bassolino, che ha dimostrato totale e voluta incompetenza, ne tantomeno lo fà l’AstrattoWalter, è troppo impegnato con la francese o una cosa del genere non l’ho capito, non può certo occuparsi di cose così serie lui, non ha neanche paura che ReAntuan Bassolinum, il quale fà parte del comitato del PD, gli faccia sfigurare il partito.

Come voglia intervenire il governo è la chiave di volta del futuro di questa regione, sicuramente sono inutili trovare altri siti dove scaricare semplicemente, dato che prime o poi quando anch’essi saranno pieni si ricomincerà daccapo. Sicuramente la gestione non può essere affidata ad aziende, che sotto sotto tra una scatola cinese e l’altra appartengono al Sistema camorristico. Bisogna cambiare regole d’appalto pubblico, regole sui movimenti di denaro, insomma bisogna modificare le leggi del nostro mercato economico, non dimentichiamo che la mafia fattura 90miliardi d’euro all’anno.

Il Sistema camorra è principalmente un industria, molto moderna, che ha le sedi delle proprie aziende nel Nord Italia sono inscritti in Confindustria, è ormai entrata nel tessuto economico italiano e tocca alla politica scucirla. Bisogna punire quegli imprenditori che collaborano con queste aziende, che per anni si sono serviti dei loro servizi per sbarazzarsi dei rifiuti tossici a prezzi bassissimi.

Se non si prenderanno provvedimenti del genere, ma si mette solo una pezza temporanea, la quale, come è già successo in passato, salterà e allora ricominceranno le proteste, le richieste dei dimissioni che sia da destra o da sinistra e così via…..sempre che in Campania ci sia rimasto qualcuno vivo.

ENNE DI NAPOLI…..O NAIROBI ?

NAPOLInelCUORE 5/1/2008



E’ Napoli o Nairobi non lo capisco, l’Italia è o almeno dovrebbe essere uno dei paesi più industrializzati del mondo, siamo o non siamo nei G7 G8 o come cacchio si chiamano, eppure noi da paese industrializzato abbiamo una situazione in Campania simile alla periferia di Nairobi, dove la gente ha delle baracche tra i rifiuti….noi siamo l’evoluzione visto che abbiamo le palazzine tra i rifiuti.

I topi oramai hanno abbandonato la città, quelle docili bestioline lunghi mezzo metro se ne vanno schifate, anche per loro è troppo…quasi quasi emigrano nelle fogne indiane…si stà meglio più puliti e non rischi di bruciare vivo.

Il presidente GeorgeNapolitano si è svegliato ! cazzarola finalmente ! direi… si è accorto della situazione….come avrà fatto ? forse perché, durante la sua visita a Napoli, non sono riusciti a trovare un tappeto abbastanza grande per nascondere la munnezza…..o forse dalla puzza di merda proveniente da Bassolino, che sembra incredibile ma riesce a coprire pure quella dei rifiuti.

Dov’era George quando si è denunciato più volte negli anni la situazione, perché non si è occupato del compagno di partito ReAntuan Bassolinum , dopo tanti anni di spalle voltate al problema adesso rilascia continue dichiarazioni, lui che non ha mostrato neanche rispetto per i morti della Tyssenkrupp andando ai funerali, ha preferito la prima della Scala.

<< Sono Allarmato >> fa sapere il presidente...sti’cazzi dice il popolo partenopeo che oramai è oltre la soglia di allarme adesso è in fase “giramento di coglioni”…e si sa quando girano creano un vortice che trascina tutto. ReAntuan fa sapere che non si dimette…è ovvio lui mica si sente colpevole…ma stranamente gira voce che si sia fatto fare una plastica facciale per non farsi riconoscere dalla gente, ma il chirurgo, rassegnato, dichiara “con una faccia da culo così non si può fare niente” e la conferma di questa affermazione è arrivata subito da ReAntuan medesimo, pare abbia detto :<< Penso di poter dare ancora un contributo >> nooo! Anto’ per cortesia stai fermo basta così.

E l’opposizione nulla…non si sente niente, vabbè che a Napoli non c’è mai stata un opposizione, salvo rari casi, altrimenti non si sarebbe finiti così. La politica nazionale è occupata in altre cose importanti si parla di legge elettorale, che oramai si è capito quale il sistema che mette tutti d’accordo…non è il francese o il tedesco ma il classico sistema di inculata all’italiana…dove ovviamente il deretano è nostro.

Se non si parla di legge elettorale, si parla di legge 194 sull’aborto, ora alla cena dei cretini si è unito anche l’InsulsoCasini fa le sue vuote dichiarazioni….ma dato che danno opinioni un po’ tutti perchè lui no? Qualche urlo a bassa voce sul caso Napoli parte da qualche Gasparri, che sembra sempre più meravigliato di trovarsi in parlamento, un CamerataFrancescazzo(Storace), che di rifiuti ne capisce essendo lui uno scarto della destra, un Cesa, che tra una tangente e l’atra parla pure, e come non citare il PorcellumCarlderoli, che stranamente protesta…eppure ai maiali dovrebbe piacere la situazione.

Insomma una politica che non sa decidere, e che non ci fa decidere, una legge elettorale decente o che rimette in discussione vecchie leggi, come può occuparsi di un problema serio come i rifiuti…questi qui riciclo e riutilizzo, a parte per i soldi, non sanno neanche cos’è….ascoltano con sguardo assente e idiota, tipo Borghezzio quando gli spiegano come si fa una divisione…….senza offesa per gli idioti Eh.

VEDI NAPOLI E POI……MUORI !..AZZ !

NAPOLInelCUORE 4/1/2008



Il triste detto che cito nel titolo sembra oramai è una realtà, e non per chi viene a visitarla ma per chi ci vive a Napoli. L’obbiettivo è chiaro si vuole eliminare il napoletano, altrimenti non si spiega il totale disinteresse su questa città. Infatti non si applica una politica decente sui rifiuti da decenni, quella che era ed è una delle capitali della cultura italiane e mondiali sembra che dovrà diventare un enorme città-discarica stile Nairobi.

Bello eh ?, almeno finalmente c’è un piano urbanistico serio, le ecoballe saranno utilizzate come dei mattoni per costruire intere palazzine, adesso si che l’immondizia diventa risorsa…edile ovviamente. Se vi sembra impossibile, vi dico che è vero simile, infatti in molti casi di palazzine che sono state costruite intorno agli anni ’60 -‘70 -’80 sono stati trovati rifiuti tra le pareti….è il caso di dire che è stato costruito veramente una munnezza.

Attenzione non cercate di colpevolizzare solo ReAntuan Bassolinum, lui ha enormi responsabilità ad esempio più di una volta ha dimenticato dove aveva messo i 36 milioni di euro che gli erano stati dati per il problema….capita !…a voi non è mai capitato d perdere dei soldi ? Dicevo le responsabilità sono da attribuire ad un vero e proprio sistema della gestione Campania, la dovete immaginare come un enorme torta dove tutti vogliono ed ottengono una fetta.

A Napoli non esiste la destra e la sinistra, esiste il partito unico e ci mangiano tutti Bassolino e opposizione, la quale è un opposizione sterile, che vuole restare tale perché ci guadagna, basta vedere a quanti politici di destra vengono dati commissariamenti e altre stronzatine varie, in modo da percepire doppi e tripli stipendi.

Camorra-politica-mondo economico, si sono fusi in un unico corpo con l’intenzione di tenere uno stato costante di emergenza, perché gli allarmi portano guadagni. La camorra si occupa della logistica, porta in giro i rifiuti e crea le discariche; la politica invece ci mette i soldi, fa arrivare i finanziamenti (e non si occupa delle giunte con infiltrazioni camorristiche) e infine il mondo economico italiano (industrie ecc.) ci mettono i rifiuti, di tutti i tipi anche tossici, smaltendo così a metà prezzo e disinteressandosi di dove và a finire.

Italsider e Montedison che si trovavano nel quartiere di Bagnoli sono un esempio ancora primitivo, infatti quando queste industrie erano in attività scaricavano direttamente i rifiuti tossici a mare, il quale solo dopo anni è stato dichiarato non balneabile…..cazzarola anche io ci ho fatto il bagno !..almeno un paio di volte….porca puttana !

Insomma tra rifiuti e altri tipi di inquinamenti in campania ci sono elevati tassi di tumori, nel triangolo della morte Nola-Marigliano-Acerra sono maggiori…e non hanno ancora attivato l’inceneritore, ma anche in altre zone non si scherza mica, solo tra conoscenti e amici tra i 45 e 55 anni c’è ne sono un casino di casi. Insomma la lotta da fare in Campania, e anche in tutta Italia, è per smantellare totalmente il sistema non solo la camorra, è una lotta per la sopravvivenza….altrimenti diventa un si salvi chi può…..dove chi può, come me, va a vivere fuori e chi non può……

clicca sull'immagine per vedere il video

IL CAPO DELLA CUPOLA A NAPOLI......

Informazione 21/10/2007

 

Il Boss della Cupola (di S. Pietro s’intende) è a Napoli, e come tradizione per ogni rappresentante di ogni istituzione, che visita il capoluogo partenopeo, attacca giustamente la Camorra.

Niente di male se non fosse che queste critiche mosse dal Vaticano fanno venir dal ridere, per non piangere.

Non c’e niente da fare la chiesa vuole per forza dare lezioni di moralità, non avendo di fatto mai applicato nessun principio morale.

Il BOSSinbianco attacca la camorra, incita i cittadini alla ribellione, insieme a lui il cardinale Sepe, ma come mai proprio quest’ultimo ha tolto dalla parrocchia di Forcella Don Luigi Merola, il parroco che si era opposto (veramente e non a parole) alla camorra.

Come mai ? Chi in quel quartiere aveva avuto il coraggio di opporsi (e non è facile quando il camorrista è il tuo vicino di casa) ha visto perdersi tutte le speranze, mandati a quel paese (si ma con fede). E Annalisa Durante ? silenzio.

Don Luigi l’ho conosciuto e posso dire che è uno che ci crede veramente alla lotta alla camorra, tant’è che vive sotto scorta girando l‘Italia per denunciare la situazione napoletana .

Ma la chiesa non è nuova a queste collaborazioni con le organizzazioni mafiose (tra cupole si collabora), infatti se sei un picciotto i funerali in chiesa ti sono garantiti (anche perché magari hai fatto qualche offerta in vita), ma se come Welby decidi di porre fine alle tue sofferenze beh allora anatema che tu sia maledetto per la tua vita onesta.

Perché il BOSSinbianco dal suo balcone non loda mai l’operato di Don Ciotti, o fa santo don Pino Pugliesi (se non è un miracolo quello che ha fatto lui), oppure denunci alle autorità i preti collusi con la mafia-camorra-‘ndrangheta (ma la santa trinità non era padre-figlio-spirito santo?...mah), denunci i preti pedofili invece di coprire la loro latitanza (dicasi Protocollo Ratzinger, ovvero qualcosa dai mafiosi s’impara).

E invece si fanno dei “comizi” filodemcristiani ( cioè ipocriti ), con che pubblico poi…il ministro Pastella (e si è ministro, basta ridere c’è da piangre).

“Il silenzio della Chiesa è paragonabile a quello di CosaNostra” disse la commissione d’inchiesta americana che indaga sui preti pedofili.

BEH….PAROLE SANTE!

P.S. consiglio di vedere il video dedicato alle VITTIME di mafia fatto dai ragazzi di AMMAZZATECI TUTTI, lo trovate nella sezione video.