.
Annunci online

CAIos.

Satira di difesa 2 13/1/2009


Ma che casino, possibile che dobbiamo sempre farci riconosce all’estero ? Spinetta, l’ad di Air France, non riesce neanche a mettere piede in Italia che trova sempre la solita caciara di questi dilettanti allo sbaraglio, che si spacciano per politici e credono di essere importanti. Prendavamo in giro l’Unione Brancaleone quando, una volta al governo, si facevano opposizione da soli, beh in questi gironi la ParrucchieraMoratti e PistolinoBossi si sono esibiti in un revival.

Loro in pratica erano gli unici due italiani che non avevano capito coma andava a finire la vicenda CAI – Alitalia – Air France. Come Decio Cavallo quando credeva che Totò gli avesse venduto la fontana di Trevi, anche per loro è venuta a prenderli l’ambulanza. Destinazione ospedale psichiatrico. Possibile che non avevano capito l’enorme pacco che ci hanno rifilato loro stessi ?

Ad accordi quasi chiusi mi spunta fuori l’offerta Lufthansa, la quale non sapeva neanche lei di aver fatto un’offerta, ma la Parrucchiera e Pistolino c’è l’avevano, non si capisce perche i tedeschi avrebbero dovuto recapitare a loro l’offerta e non al Demente del Consiglio, ma c’è l’avevano. Insomma hanno fatto lo stesso bluff che il NanodelleLibertà aveva fatto in campagna elettorale, ma non gli è riuscito. Hanno cercato di mettere il sale sulla coda di AirFrance, sale procurato dalla Parrucchiera. Il tutto per cercare di salvare Malpensa, un aeroporto nato morto che si è costruito solo per far girare tangenti.

Alla fine l’accordo si chiude e Colanninno, capo degli Sbancarottieri Fraudolenti, illustra i punti fondamentali alla stampa. Altro casino non si capisce che hanno concordato; in pratica dicono che Malpensa sarà valorizzata, addirittura i giornali titolano “Come Amsterdam e Parigi”(e Londra e Barcellona no?), immagino le migliaglia di persone che si fermeranno a Vizzola Ticino o a Lonate Pozzolo per il capodanno ….eh si.

Comunque la valorizzazione di Malpensa (con ben 14 voli internazionali mica bruscolini) sarà possibile con un ridimensionamento di Linate. Si avete capito bene in pratica avremo due aeroporti a mezzo servizio. E il personale di Linate? Non si sa. Inoltre si abbassa il limite da parte dei patrioti per la vendita delle loro azioni, già al quinto anno, e non dopo, potranno vendere (quasi sicuramente ad Air France, visto che l’ex AirOne ha le pezze al culo).

Tutti i protagonisti della vicenda sono felici, beh felici adesso diciamo che hanno tirato un sospiro di sollievo. L’unica che ci ha guadagnato veramente è Air France, molti temevano che non facesse accordi, ma perché mai? Sono francesi mica scemi, spenderanno in tre anni 320milioni in totale, invece del miliardo e mezzo subito per i soli debiti come da accordo con Prodi, inoltre si ritrovano un azienda senza debiti (visto che li pagheremo noi) e senza esuberi anzi con addirittura meno personale di quanto avessero previsto l’anno prima. Infine tra quattro anni gli basterà un piatto di lenticchie per avere tutto il resto di Alitalia.

Siamo noi che dovremmo incazzarci visto che il NanodelleLibertà(sue) ci ha inchiappettato ancora. Ci ha rifilato il Pacco ( in campagna elettorale quando ha fatto saltare l’accordo con Air France ), non contento ci ha fatto il Doppio Pacco (mettendo su una banda di delinquenti e scaricandoci i debiti di Alitalia) e infine ha chiuso con un Contropaccotto ( rifacendo l’accordo con Air France e lasciando più lavoratori in mezzo alla strada).



PS Ringrazio Moon81 per il “Premio Dardos”, lo ringrazio di cuore e lo ricambio. Inoltre vi consiglio di visitare il suo blog e tutti quelli che trovate nei link.

NON VA BENE, MA LO PRENDO.

Satira di difesa 7/1/2009


Due notizie signori miei : la CAI, cioè gli Sbancarottieri Fraudolenti che si spacciano per imprenditori e che con qualche spiccio si sono presi Alitalia, molto probabilmente chiuderanno un accordo con AirFrance col bene placido del Demente del Consiglio arcoretano; la seconda notizia è che Air France è italiana !!!!

Non c’è altra spiegazione, i francesi sono diventati italiani. Tutto è possibile nel berlusconismo, la faccia come il culo sarà requisito fondamentale per spiegare alla gente come mai AirFrance prima, in campagna elettorale, era inaffidabile e non doveva acquistare Alitalia. Poi tutto d’un tratto diventa il partner internazionale e sorpresa delle sorprese Malpensa ridimensionata o chiusa. E meno male che ci pensava PistolinoBossi.

Alla fine si sa come andrà la storia, quando l’obbligo di tenere le azioni, da parte dei Sbancarottieri Fraudolenti, sarà cessato venderanno tutto ai francesi. Insomma il segreto di pulcinella. C’è da dire che si vede l’impronta leghista del governo. Dopo l’abolizione dell’Ici per le seconde case e per quelle “dei ricchi”, l’unica tassa federalista che avevamo, ecco un’altra vittoria per il PistolinoBossi.

Ma il governo dei dilettanti allo sbaraglio è, purtroppo per noi, al lavoro continuo h24. Ci sono ancora tante figure di merda da fare e cosi poco tempo per farle. Ci ha provato l’Entita degli esteri Frattini, il quale dato che ha la stessa importanza di una scoreggia di formica fa esternazioni quasi sempre ignorate dai tre quarti del globo terracqueo, contando che l’altro quarto e composto da sordi.

Il NullaFrattini, con un ritardo pazzesco prende posizione sui fatti di Gaza, posizione talmente inutile che riesce a far fare un’ottima figura all’AstrattoWalter, per dire mission impossible compiuta. Frattini se ne esce con un “aumenteremo gli aiuti per il popolo palestinese”, ma dove vive? Ma ha visto come siamo messi noi? Cosa dai ai palestinesi la social card ?

Invece di sparare cazzate a vuoto potrebbe fare qualcosa per la situazione tra Ucraina e Russia, che so portare il caffè a Putin per esempio, o magari iniziare a lavorare seriamente. Dimenticavo ai berluscaz le cose serie non gli riescono.

BALLE SPAZIALI...ANZI AEREE.

Satira di difesa 2 22/4/2008



Una brutta notizia, Putin non si è preso il Bagaglino quindi tocca sorbirci sta’ spremitura di palle anche per quest’anno. Per quanto riguarda invece il caso umano Apicella, è stato scritturato dal Teatro Stabile di Mosca, il maestro canterà per beneficenza ai sordomuti moscoviti ricoverati nella clinica “ I Beati Leninisti”.

Intanto AirFrance fa quello che, tristemente, fanno tutti gli investitori nel nostro paese…scappa ! Si sentono parole assurde per giustificare l’ennesimo fallimento della nostra politica (tutta), alcuni parlano di condizioni inaccettabili da parte dei francesi, alti invece svelavano che in realtà i francesi voleva acquistare Alitalia con l’intento di smontarla, e altre baggianate del genere. In realtà il guaio è che nel nostro paese gente che investe con i propri soldi senza indebitare le società acquistate, è vista come un pericoloso delinquente approfittatore. Spinetta dava una certa garanzia, dato che aveva già fatto risorgere la compagnia francese portandola in attivo, non contento ha acquistato l’olandese KLM, anch’essa indebitata ed anch’essa resuscitata, ed era disposto ad investire quasi 150milioni di euro per Alitalia, e come se non bastasse questo manager guadagna molto meno del penoso Cimoli, come ben noto assunto con stipendio di 2milioni di euro annui per far fallire la sua compagnia.

Insomma stiamo assistendo alle previsioni del Nanodellelibertà(sue), oggi il governo ha dato l’ok per i 300milioni di prestito ponte. che parte da Malpensa ed arriva in campata unica ad Arcore, permettendo al CiuffoneArcoretano di poterci mettere le manine. Intanto il Nanopremier è impegnato nella formazione della squadra di governo, che aveva già pronta, ma sta tardando a presentarla per sfizio tanto per fare suspense.

Nel PD invece è un po’ come “La Sagra Della Stronzata”, ogni giorno qualcuno trova un idea, ovvero la stronzata, per risollevare le sorti del partito che sia il “PD padano” o cose simili. C’è questa rincorsa ad assomigliare alla Lega Nord, al voler riallacciare i rapporti con la gente del ceto medio e basso. Il guaio di questa dirigenza di sinistra è che non ricorda niente del suo passato, la Lega non ha fatto altro che usare lo stesso sistema del PCI, all’AstrattoWalter “la casa del popolo” ricorda niente ? Quello è uno dei tanti sistemi che usava il partito comunista per parlare alla gente, per capirne gli umori e le esigenze, parole oramai sconosciute a questa sinistra da salotto. Che dire la sinistra continua ad arrovellarsi per trovare una soluzione che già ha in casa, insomma il solito martellarsi sui coglioni.





P.S. Notare come Cuffaro si impegni sempre di più nel fare il moralista, ultima esibizione ad “Exit” su la7, purtroppo la presentatrice D’Amico non gli ricorda della sua condanna per mafia, ma per fortuna ci pensa Sonia Alfano presente come ospite in studio.

SIA CHIARO MI SACRIFICO PER LA PATRIA.

Satira di difesa 2 22/3/2008



Ci sono delle volte in cui il Nanodellelibertà(sue) si morderebbe la lingua, uno di questi casi è la fantasiosa panzana messa su per il caso Alitalia, se si potesse leggere nei pensieri dello statista rinfoltito sicuramente sentiremmo un “chi me lo ha fatto fare” grande quanto un palazzo. Il Nano spara la solita menzogna per farsi bello in campagna elettorale e quindi crea una irreale cordata italiana che voleva comprare Alitalia, ma è stata estromessa dai comunisti al governo, stavolta non se la cava facilmente l’ha detta grossa e visto che il fatto è serio gli chiedono spiegazioni e per sua sfortuna la cosa non cade lì, Tanto è vero che neanche la sarta Bonaiuti riesce a mettere la solita pezza all’ennesima stronzata detta dal principale.

Succede quindi che gli chiedono di questa misteriosa cordata e allora ecco che continua il lavoro di fantasia, tra i validi capitalisti pronti per la patria, ad investire nel buco nero di Alitalia, uno sicuro è il figlio PierSilvio, giusto per aumentare un po’ il conflitto d’interesse, e poi delle banche come l’Intesa, la quale smentisce subito e dice di non saperne niente, ma è probabile che siano dei bugiardi comunisti complottisti. Comunque il cavaliere è alle strette e adesso deve fare qualcosa, insomma come ha già fatto con il PDL creato una sera all’improvviso da una vaccata detta, e garantisce al paese e ai dipendenti della compagnia di bandiera : << mi impegno io , quindi si farà >> e giù tutti a toccarsi.

Il problema è proprio questo, già se ne occupato lui per questo la situazione è disastrosa, in cinque anni di governo le persone messe a dirigere Alitalia sono state Mengozzi, Bonomi e Cimoli, i quali hanno accompagnato l’azienda sul baratro e l’hanno abbandonata, alcuni come Cimoli prendendosi una liquidazione di circa 5 milioni di euro, per il buon lavoro svolto. Il fatto è che se oggi c’è solo Airfrance è perché è l’unica che riesce a mettere tutto il capitale per acquistare Alitalia, e cioè quasi 3 miliardi di euro, 140 milioni per l’acquisto e il resto per pagare i debiti, è questo che non viene mai detto. AirOne non ha i soldi per farlo dato che con tutta la copertura dell’Intesa non arrivava neanche ai 140 milioni necessari.

In Italia abbiamo i soliti capitalisti con le pezze al culo o come dice il filosofo Ricucci : << So’ tutti froci col culo degli altri >>, abbiamo i capitalisti che comprano con soldi delle banche e scaricano il debito sull’azienda acquistata. Infatti il NanoconleAli ha subito chiarito l’eventuale piano aziendale , e cioè da vero capitalista vuole 300 milioni dallo Stato per “sacrificarsi” e prendere anche gli aerei con il minimo della spesa…oh per i malpensanti, ringraziatelo lo ha fatto per l’Italia.